Un calendario di tour in città tra luglio e agosto nato dai senzatetto del centro diurno La Piazzetta e proposto da «Scarp de’ tenis», Caritas Ambrosiana e Farsi Prossimo

walking-day

Dopo il successo della guida I Gatti di Milano non toccano terra, per l’estate gli Spiazzati propongono un calendario di camminate per la città. Da luglio ad agosto, 16 date per gite funamboliche, sospese tra mito e realtà, da farsi rigorosamente in “scarp de’ tenis”. Per scoprire una Milano mai vista, con gli occhi di chi vive in strada: dallo scomparso quartiere del Bottonuto alla Magolfa della poetessa Alda Merini, dalla Milano verticale che sale verso il cielo alla Chernobyl di Rogoredo, dai Garibaldini dell’Ortica alle statue parlanti del centro storico. Leggende, storie vere o troppo belle per non esserlo, racconti ai margini dei luoghi comuni: le Camminate dei Gatti Spiazzati offrono un’esperienza insolita ai visitatori che sappiano coglierne lo spirito ironico o siano disposti appunto a farsi spiazzare.

Come il baedeker I Gatti di Milano non toccano terra, il programma dei tour nasce dallo stesso gruppo di senzatetto (o ex senza dimora) che si ritrovano al centro diurno La Piazzetta di Caritas Ambrosiana. Incoraggiati dal riscontro di critica (molto generosa) e di pubblico (più avaro) della pubblicazione edita dalla Cooperativa Oltre (editrice anche della rivista di strada Scarp de’ tenis), gli Spiazzati hanno in questi mesi testato i tour, affidandosi al passa-parola. Riscontratone la buona risposta, ora hanno costruito un calendario e si sono costituiti in associazione per poterlo gestire.

«Venti anni fa, con Scarp de’ tenis arrivò a Milano un giornale di strada come ce n’erano in molte altre città europee – sottolinea Alessandro Pezzoni, responsabile grave emarginazione di Caritas Ambrosiana -. Oggi, come a Barcellona, Londra, Atene, anche a Milano i visitatori possono scegliere di farsi accompagnare da chi vive in strada. Scarp è stato l’inizio di un percorso di reinserimento per tante persone gravemente emarginate che nella vendita del giornale hanno trovato un’occasione di reddito, ma soprattutto di riscatto. Lo stesso ci auguriamo possa succedere con i tour, nati dalla libera iniziativa e dalla creatività di Gatti sempre meno spiazzati accompagnati dagli operatori del centro diurno la Piazzetta».

Il programma

1 luglio (18.30-20): Il centro di Milano scomparso o semi nascosto: il Bottonuto e via Larga (da Piazza Missori alla discesa nella cripta di San Giovanni in Conca, ancora poco conosciuta. La riscoperta dello scomparso quartiere popolare il Bottonuto, l’evoluzione della città con la Torre Velasca, San Nazaro in Brolo e la Ca’ Granda, con la storia dei Navigli del centro città e il progetto di riapertura)

2 luglio (18.30-21): Il quartiere Ticinese fuori dalla folla (Dal Carrobbio, piazza Vetra e San Lorenzo, Anfiteatro, Conca del Naviglio, Darsena, Sant’Eustorgio, Parco Giovanni Paolo II. Il quartiere Ticinese: storia, fabbricati, commerci e personaggi. Omaggio alla memoria della poetessa Alda Merini per un viaggio nel Ticinese fuori dalla folla: quartiere Magolfa, Naviglio Pavese e San Gottardo).

5 luglio (9.30-11.30): Il centro di Milano scomparso o semi nascosto: il Bottonuto e via Larga (replica; in collaborazione con Municipio 5 e Il Piccolo Principe)

8 luglio (18.30-20.30: QT8 e Monte Stella (La conoscenza del quartiere innovativo QT8 e il Giardino dei Giusti, la salita al Monte Stella per apprezzare dalla “vetta” l’evoluzione di Milano: da una città circondata da orti e cascine a una metropoli proiettata verso il cielo e il futuro)

14 luglio (18.30-21): Dalla Chernobyl milanese alle innovazioni di quartiere storico Rogoredo (Camminata da via Bonfadini e Medici del Vascello per comprendere la disastrosa situazione di un’area abbandonata, alla scoperta di un quartiere storico quale Rogoredo e dei nuovi insediamenti residenziali e commerciali nati dalla chiusura delle grandi industrie lombarde, Redaelli e Montecatini)

16 luglio (9.30-12): Il quartiere ferroviario dell’Ortica e caseggiati stellari di via Lomellina (Dagli insediamenti di edilizia popolare e dei ferrovieri, alla riscoperta dell’antico Borgo dell’Ortica con la sua storia legata ai Garibaldini e al Feldmaresciallo Josef Radetzky)

18 luglio (9.30-11.30): Pietre, Statue e Palazzi nel Quadrilatero della Solidarietà (Da piazza Santo Stefano a San Babila, lungo il quadrilatero della solidarietà. La Ca’ Granda, San Bernardino alle Ossa, Banca Nazionale dell’Agricoltura e piazza Fontana, Piazza Beccaria, Galleria del Corso, Pasquirolo, San Babila. Incontro con gli Sforza, con il quadrilatero della solidarietà: Caritas Ambrosiana, ACLI, ChiAmaMilano, Padri Serviti).

20 luglio (18.30-21): Pietre, Statue e Palazzi dal Castello Sforzesco a piazza San Babila (Dal Castello a piazza Cadorna, piazza Scala, Galleria, San Fedele, piazza Liberty e San Babila. Attraverso un percorso che descrive i palazzi e i personaggi che hanno contribuito allo sviluppo della città: Luca Beltrami, il Filarete, i Visconti e gli Sforza, Parini, Mezzanotte, Cattaneo, Verdi, Ricordi, Toscanini, Manzoni, Hoepli, Pomodoro e i Savoia. In collaborazione con Municipio 5 e Il Piccolo Principe)

23 luglio (9.30-12): Il Centro di Milano scomparso o semi nascosto: il Bottonuto e via Larga (replica)

27 luglio (18.30-21): Dall’Isola al new Orleans, su due opposte panchine (Il quartiere attraverso le persone che vi sono nate o vi hanno vissuto negli anni in cui l’Isola non aveva una “buona reputazione”. Camminata con “il Mapelli” e con “Gennaro” per scoprire fatti, episodi, curiosità dal Dopoguerra a oggi. Le ex case operaie Oggi e i grattacieli svettanti tutti vetro e acciaio. Si vedranno le due realtà anche da due diverse panchine: verso sud e verso nord)

3 agosto (18.30-20.30): Brera ieri e oggi (Partendo dai chiostri di San Simpliciano, all’Incoronata e il Tombon di San Marc. La storia dei Borghi di Brera e del Corso Garibaldi)

10 agosto (18.30-21): Dalla Chernobyl milanese al quartiere storico e innovativo di Rogoredo (replica)

20 agosto (9.30-12): Il Dritto, lo Storto e le navi da crociera: evoluzione della città (Dalla Fiera Campionaria a piazza Tre Torri (o meglio per ora ancora due). L’evoluzione di Milano dal tempo della Fiera Campionaria alla nascita di CityLife, con i suoi imponenti faraglioni, progettati dalle archi star e sotto le case ormeggiate come navi da crociera. Cosa è rimasto della vecchia Fiera Campionaria? Illustrazione e storia – non autorizzata – delle opere di Isozaki, Hadid, Libeskind: il Dritto, lo Storto e il Curvo)

22 agosto (17.30-19): Il quartiere Baia del Re: da via Neera al Polo Nord (La nascita dei nuovi quartieri di edilizia popolare in Milano, la ricerca di un nome e il riferimento alle imprese di Umberto Nobile e Roald Amundsen che trasvolarono il Polo    Nord, nel 1926, partendo dalla Baia del Re in Norvegia, isole Svalbard. In collaborazione con Municipio 5 e Il Piccolo Principe)

26 agosto (18-30-21): Il quartiere Ticinese: fuori dalla folla (replica)

29 agosto (9.30-11.30): Brera Ieri e Oggi (replica. In collaborazione con Municipio 5 e Il Piccolo Principe).

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi