Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Milano

Scola: «La scelta dei piccoli di Fatima dimostra che Dio preferisce i poveri e le periferie»

Celebrazione eucaristica in Duomo nel centenario della prima apparizione. Il Cardinale: «Un messaggio sempre attuale che deve spingerci a giocarci in prima persona»

di Annamaria BRACCINI

15 Maggio 2017

La scelta di tre umili fanciulli pastori in un angolo sconosciuto del pianeta per chiamare l’intero mondo alla conversione e alla fede. Non è sproporzione, è il metodo di Dio che non «finisce di stupirci anche in un tempo sofisticato come il nostro, metodo per la vita di oggi: preferire i poveri e i piccoli per mostrare a tutti la Sua misericordia».
A cento anni esatti dalla prima apparizione, in un Duomo che non riesce a contenere le migliaia di fedeli che si assiepano ovunque tra le navate, il cardinale Scola fa memoria delle visioni della Madonna a Fatima, quelle «che portano con sé il marchio inconfondibile della condotta di Dio». Sull’altare maggiore, dalla mattina, è esposta alla devozione senza sosta della gente, l’effigie della Madonna che sembra vegliare sulla Celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo, concelebrata dai Canonici del Capitolo metropolitano, da alcuni Ausiliari e da più di 50 sacerdoti tra cui l’assistente spirituale nazionale dell’Apostolato mondiale di Fatima, don Vittorio De Paoli. Nelle prime file ci sono i ragazzi della “Comunità Cenacolo”, i malati della Comunità di Fratel Ettore e le autorità tra cui la vicesindaco Anna Scavuzzo e il presidente del Consiglio Regionale, Raffaele Cattaneo.
Dalla «figliolanza decisiva della nostra vita ed eterna, che Gesù ci ha donato assumendo la nostra stessa carne e donando la sua vita sul legno della Croce perché e noi la scoprissimo», si avvia l’omelia. «Attraverso l’elezione dei pastorelli, il Signore ha mostrato ancora una volta “che Dio non fa preferenze di persone, è il Signore di tutti”. In questo modo, i veggenti di Fatima ci educano a riconoscere che dal Vangelo è veramente bandita ogni forma di esclusione. La recente visita del Papa alla nostra Chiesa ce ne ha dato impressionante testimonianza. E questo, non possiamo negarlo, per ciascuno di noi è un forte richiamo alla nostra conversione. Papa Francesco ce lo richiama senza sosta: “Gesù ci insegna che nessuno è escluso dalla salvezza di Dio, anzi, che Dio preferisce partire dalla periferia, dagli ultimi, per raggiungere tutti. Ci insegna così un metodo, il suo metodo, che però esprime il contenuto, cioè la misericordia del Padre”».
Coma a dire: lo stupore che «riempì lo sguardo innocente dei pastorelli di Fatima», nell’accogliere le apparizioni con l’innocenza tipica dei piccoli «che è unione della meraviglia e serietà», deve essere anche il nostro sguardo di uomini e donne tesi alla conversione del cuore.
«Conversione è la parola chiave del messaggio sempre attuale di Fatima. Il triplice invito – “Penitenza, penitenza, penitenza” – che cosa è se non la eco dell’invito di Gesù alla conversione? Oggi più che mai ne avvertiamo la drammatica urgenza», scandisce il Cardinale.
Soprattutto di fronte «al tragico succedersi di guerre e violenze che ha insanguinato il ventesimo secolo e che si protrae, purtroppo, in questi primi decenni del nuovo millennio provocando una moltitudine di martiri, di uomini delle religioni e di buona volontà al punto che, per il sangue versato dai cristiani, gli ultimi cent’anni non sono paragonabili con nessun altro periodo della storia della Chiesa, anche se, forse, non c’è ne rendiamo ancora conto».
Cita, Scola, l’allora cardinale Ratzinger che, quale Prefetto della Congregazione della Fede, scriveva: “Con il suo accorato invito alla conversione, il messaggio di Fatima sottolinea l’importanza della libertà dell’uomo”. Proprio perché il futuro non è affatto determinato e immobile e i bambini non videro, allora, un film che non si può più cambiare o qualcosa di immutabile. «La visione dei bambini avviene, in realtà, solo per richiamare la libertà e volgerla in una direzione positiva».
Da qui, la consegna che il Cardinale lascia a tutti: «Celebrare il centenario di Fatima domanda l’atto libero di rimettersi in gioco. Ognuno di noi decida di assumere il dono ricevuto per pura misericordia e lo faccia fruttare».
Come farlo, lo mostra appunto la Madonna. «Il cuore aperto a Dio, purificato dalla contemplazione di Dio è più forte dei fucili e delle armi di ogni specie. Il fiat di Maria, la parola del suo cuore, ha cambiato la storia del mondo. Certo, il maligno ha potere in questo mondo, lo vediamo e lo sperimentiamo continuamente fino nelle tentazioni che infangano il nostro vivere e agire, ma da quando Dio stesso ha un cuore umano, il male non ha più l’ultima parola».
La scelta e la sfida è «scegliere di nuovo il Signore», riprendendo con fedeltà la pratica della preghiera del santo rosario, «magari spegnendo 10 minuti la televisione in famiglia o invitando qualcuno. È il gesto più semplice, alla portata di tutti, perché la nostra libertà decida di nuovo per Cristo, per il bene. Preghiamo per il Papa e per la Chiesa, preghiamo per i cristiani perseguitati e per la conversione di tutti. Che la preghiera sia l’espressione più vera e continua del nostro cuore. Con la stessa fiducia dei bambini di Fatima verso Maria, preghiamo con le parole pronunciate a Fatima dal Santo Padre: “Che la tua Madre mi prenda in braccio, mi copra con il suo mantello e mi collochi accanto al Cuore di suo figlio”.
A conclusione, prima della Benedizione solenne e della preghiera silenziosa dell’Arcivescovo davanti alla statua, è don De Paoli a dare voce alla commozione condivisa: «Commuove un segno così piccolo in un Duomo così grande. Come uomini non possiamo aggiungere nemmeno un giorno alla vita, ma possiamo dare vita ai giorni se ci fidiamo del Signore, come fece la mamma di Gesù. In questo tempo e in questa Cattedrale Maria ci supplica di essere Chiesa maternamente tenera e accogliente».

Leggi anche

Milano
image (11)

Scola: «Impegniamoci nel cammino di libertà e pienezza indicato da Maria»

A conclusione della giornata dedicata alla Madonna di Fatima, con la presenza dell’effigie in Cattedrale, oltre 2000 fedeli hanno recitato, con l’Arcivescovo, il Rosario aux flambeaux in piazza del Duomo, dopo aver assistito al musical “Credo in Gesù nato da Maria”, messo in scena dai giovani della “Comunità Cenacolo”

di Annamaria BRACCINI

Milano
madonna fatima in duomo Scola saluta i chierichetti

Scola ai chierichetti: «Aprite la giornata con un Segno di croce e, a sera, dite un’Ave Maria»

Il cardinale Scola ha portato il suo saluto in Duomo a centinaia di chierichetti, riuniti, nel giorno del centenario della Madonna di Fatima, per il loro incontro diocesano. «Avete un compito molto prezioso» ha detto l’Arcivescovo ai ragazzi, esprimendo il suo grazie

di Annamaria BRACCINI

Milano
Madonna di Fatima Messa con monsignor Delpini

Delpini: «Maria, donna della luce, sconfigge le tenebre della confusione»

Nel centenario esatto della prima apparizione della Madonna a Fatima, la statua della Madonna Pellegrina è giunta in Duomo per un’intensa giornata di Celebrazioni e devozione. Prima dell’Eucaristia dedicata ai malati e affollata di migliaia di fedeli, il vicario generale, monsignor Mario Delpini, che ha presieduto la Messa, ha accolto l’effigie sul sagrato della Cattedrale

di Annamaria BRACCINI