Nella crisi siamo tutti chiamati a scegliere ciò che davvero conta per poter camminare più saldi nella storia che si apre. Il riconoscimento della nostra debolezza è condizione vera di ripartenza

di Anna DEODATO
Ausiliaria diocesana, formatrice vocazionale

cq5dam.thumbnail.cropped.1000.563 Cropped

«All’inizio avevo davanti delle settimane, poi ho iniziato a contare i giorni, poi le ore: ogni ora segnava nel mio lavoro decisioni che sapevo sarebbero ricadute sulla vita o sulla morte di fratelli e sorelle. Ho imparato a chiamare così i pazienti. Pazienti! Quanta pazienza in coloro che hanno attraversato e stanno attraversando queste ore. Pazienza carica di paura e di speranza per TUTTI. Per noi che viviamo con loro la lotta per la vita e per i loro cari che stavano lontani e non potevano fare altro che aspettare, dentro a un vuoto colmo di angoscia. Alle volte quasi automaticamente mi tornavano le parole sentite al catechismo: “e fu sera e fu mattina, primo, secondo, terzo giorno” … e così via in una alternanza che tutti costringeva a una obbedienza alla vita che non ha paragoni con nessuna altra obbedienza».

È la testimonianza di una consacrata, medico, con cui si apre la riflessione di Anna Deodato, che pubblichiamo integralmente in allegato

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi