Nella parrocchia di san Gioachimo, l’Arcivescocovo ha presieduto la Celebrazione eucaristica nella memoria del fondatore dell’Opus Dei, san Josemaría Escrivá de Balaguer. «Ogni giorno trovare la vita autentica nel frammento che ci viene offerto»

di Annamaria Braccini

escriva (G)

La via per prendere il largo, per non continuare a sentirsi insoddisfatti e infelici; la via che scopre il frammento dell’eterno nella vita di tutti i giorni, negli affetti, nel lavoro, negli affetti e nelle persone. Il messaggio di san Josemaría Escrivá de Balaguer, su cui poggia il carisma della Prelatura dell’Opus Dei, mai, forse, come in questi tempi di paura e di incertezza, si fa richiamo a vivere la vita, la professione, la famiglia, come una vocazione quotidiana e libera da fughe in avanti e da sterili sogni.

È questo l’insegnamento che l’Arcivescovo indica ai fedeli – ovviamente in numero ridotto rispetto agli altri anni, parrocchiani e appartenenti alla Prelatura – riuniti nella parrocchia di San Gioachimo, per fare memoria del fondatore, nel giorno della sua memoria liturgica.

Nel suo indirizzo di benvenuto, il parroco, don Marco Busca, ricorda le tante componenti della comunità – dalle famiglie, ai bambini che riceveranno la comunione, dai futuri sposi ai ragazzi dell’oratorio feriale, per arrivare ai due seminaristi, Enrico e Mattia, originari della parrocchia, che saranno in “San Gioachimo” per tutta l’estate e che sono presenti anche alla Messa. Concelebrata con altri presbiteri, dal vicario episcopale per la Vita consacrata e per le Forme di Nuova Consacrazione, il vescovo monsignor Paolo Martinelli, il vicario della Prelatura per l’Italia, don Normann Insamm, da don Matteo Fabbri e don Carlo De Marchi, pure dell’Opus Dei.

L’omelia dell’Arcivescovo

Dall’impressione di insufficienza, di incompiutezza, persino di delusione e frustrazione, che si insinua spesso nelle nostre vite, si avvia la riflessione del vescovo Mario.

«In ogni età della vita, in ogni situazione familiare, professionale, in ogni condizione, si sperimenta l’insinuarsi del grigiore dell’insoddisfazione e, così, cerchiamo altrove», dice l’Arcivescovo. Proprio perché «l’insoddisfazione rende irrequieti e, talora, rassegnati che cercano altrove qualche compensazione, magari nelle fantasie e trasgressioni. Gli irrequieti cercano altrove, un salto di qualità, una vita nuova, diversa».

Si può leggere in questa logica, persino, la vocazione dei primi discepoli, quelli che, nella pagina del Vangelo di Luca appena proclamato, il Signore incontra sul lago, «insoddisfatti del duro lavoro di pescatori». Eppure – perché c’è un “ma” – la soluzione a tanto grigiore esiste sempre: è scritta nella Parola di Dio e in tanti luminosi esempi umani, anche se «si è generata la convinzione che, per essere veramente santi, per portare a compimento quello di cui si sente la mancanza, sia necessario un altrove. È più santo chi si dedica al ministero di chi continua il lavoro di sempre nella condizione di sempre. Ama di più chi si fa servo della comunità piuttosto di chi vive la sua vita di famiglia. Una persuasione che si è più perfetti, quando si intraprende una via che distacca dai legami familiari e dalla vita professionale».

«Ma non è altrove che troveremo quello che non troviamo là dove abbiamo scelto di dimorare, non è un’altra persona, né un’altra comunità, che possono darci quello che non troviamo nei rapporti di cui abbiamo la responsabilità».

Qui si comprende tutta la forza del messaggio del fondatore dell’Opus Dei che «convince a percorrere altre vie rispetto a quelle dell’andare altrove, perché l’insoddisfazione non degeneri nella rassegnazione che si accontenta, nella evasione che si illude, nel risentimento che amareggia la vita propria e altrui o nella trasgressione che si rovina».

Da qui, due indicazioni. «Dobbiamo imparare la via di “prendere il largo” che non significa cercare un altro lago, ma aprire gli occhi per riconoscere l’ampiezza, l’altezza, la profondità che sono custodite nel frammento. Nessuno vive dappertutto, nessuno ama tutti, nessuno fa tutto. A ciascuno è toccato un frammento di vita, un pezzetto del giardino piantato da Dio in Eden, in oriente. Un piccolo frammento, ma se vivi nel frammento, obbedendo alla parola di Gesù, le tue reti non basteranno per l’abbondanza della pesca. Allora troverai la bellezza insperata degli affetti, la grandezza inaspettata delle persone, la fecondità sorprendente dei sacrifici quotidiani».

La seconda via è quella suggerita da san Paolo. «Impariamo a ospitare lo Spirito che rende figli. Lo spirito “da schiavi”, infatti, fa ricadere nella paura, mette nella condizione di trovarsi a disagio, di sentirsi stranieri, di fare le cose per forza o per paura di qualche punizione; posseduti da “altri”, come gli schiavi, dalle passioni, dalle ambizioni, da qualche demone. Al contrario, lo Spirito che rende figli mette nella condizione del Figlio, partecipi della sua vita, liberi di donarsi per sempre, fino al sacrificio, non costretti da un comandamento, ma persuasi dall’attrattiva della comunione, partecipi della sua gloria».

E, allora, «raccogliamo l’insegnamento di san Josemaría per interpretare le nostre insoddisfazioni e cercare la santità nella pienezza della vita».

A conclusione della Messa, è don Insamm a sottolineare, ringraziando l’Arcivescovo: «Nei mesi passati ci siamo sentiti accompagnati e sostenuti dalle sue parole. Questo ci ha aiutato ad attualizzare un insegnamento che san Josemaría ha spesso ripetuto: occorre cercare Dio nella vita ordinaria e nelle circostanze di tutti i giorni. E’ così che, anche durante il lockdown, si sono moltiplicate le iniziative di vicinanza, di evangelizzazione, di catechesi, attraverso i tanti mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione. Desideriamo proseguire questo slancio apostolico, per diffondere speranza, luce e gioia pur nelle difficoltà che tanti si trovano a dover affrontare. Siamo chiamati a vivere il duc in altum, a riprendere il largo».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi