Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/prossimi-alle-fragilita-convegno-cel-di-pastorale-della-salute-476741.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

28 ottobre

Prossimi alle fragilità, convegno Cel di Pastorale della salute

Il contributo della Chiesa al processo di rinnovamento della sanità post Covid al centro dell’appuntamento all’Angelicum di Milano, che sarà concluso dall’Arcivescovo

19 Ottobre 2021

«Essere prossimi alle fragilità. Chiesa creativa» è il tema del convegno di Pastorale della salute che la Conferenza Episcopale Lombarda promuove giovedì 28 ottobre, dalle 10 alle 13, presso il Teatro del Centro culturale Angelicum di Milano (piazza Sant’Angelo 2).

La pandemia di Coronavirus ha interessato in modo particolare la Lombardia, con conseguenze drammatiche per la popolazione. Soprattutto nella fase iniziale, gli effetti di questa epidemia sono stati particolarmente pesanti in termini di contagi e di vittime. Al presente, dopo le diverse ondate di pandemia che si sono susseguite e senza poter ancora concludere che l’emergenza sia alle spalle, si è avviato un dibattito teso a ridisegnare il servizio sanitario lombardo e in particolare il sistema della presa in carico delle cronicità e delle patologie infettive. I punti nodali posti al centro della riforma sono perciò l’attenzione al territorio e la prossimità al paziente.

In questo processo di rinnovamento la Chiesa cattolica, che, fin dalle sue origini, unisce alla missione di annunciare il Vangelo anche quella di prendersi cura delle persone fragili – «Euntes curate infirmos» (Mt 10,6- 8) – si sente chiamata a offrire il suo contributo per costruire scenari nuovi e inediti.

Il convegno si porrà in ascolto di quanti operano in questo settore attraverso servizi e strutture gestite da famiglie religiose o enti no profit di ispirazione cristiana, in una logica di sussidiarietà al sistema pubblico. Partendo dall’esperienza vissuta con la pandemia, sarà l’occasione per riflettere sugli sviluppi futuri di una sanità in evoluzione, dentro la quale la Chiesa vuole testimoniare la centralità della persona nella sua totalità: fisica, spirituale, psicologica e sociale.

Dopo i saluti delle autorità (monsignor Paolo Martinelli, Vescovo ausiliare di Milano e Delegato Cel per la Pastorale della Salute; Attilio Fontana, Presidente di Regione Lombardia; Letizia Moratti, Vicepresidente di Regione Lombardia e Assessore al Welfare) e l’introduzione di monsignor Luca Bressan (Vicario episcopale per la Cultura, la carità, la missione e l’azione sociale), il convegno (in allegato il programma completo) prevede due sessioni: «Il senso del nostro essere» e «Il Covid-19: una crisi da non sprecare». Alle 12.30 le conclusioni di monsignor Mario Delpini, Arcivescovo di Milano e Presidente della Conferenza Episcopale Lombarda.

Al convegno sono invitati i politici regionali, la Giunta e il Consiglio regionale lombardo, i sindaci delle principali città, i responsabili delle Ats e Asst, i direttori diocesani di Pastorale della salute, i rappresentanti degli enti sanitari e sociosanitari Aris e Uneba, i dirigenti degli istituti di ispirazione cristiana e i rappresentanti del terzo settore.

Per partecipare

Per partecipare al convegno è indispensabile confermare la presenza possibilmente entro il 26 ottobre a convegnopdslombardia2021@gmail.com, indicando la denominazione dell'ente o dell'istituzione, il Comune, la Provincia, il nome e cognome del partecipante, l'indirizzo mail. Nel rispetto delle norme per il contenimento della pandemia da Covid 19, per poter accedere alla sala è necessario essere in possesso del Green pass.
Per informazioni: tel. 331.9020902

Leggi anche

Intervista
Monsignor Paolo Martinelli

«Ai Vescovi lombardi sta a cuore la salute della gente»

Monsignor Paolo Martinelli, delegato Cel, presenta il convegno in programma il 28 ottobre all’Angelicum di Milano: «Rileggeremo l'esperienza della pandemia e rifletteremo sulla riforma del sistema sanitario in corso in regione. Forme di prossimità sul territorio sono necessarie, la Chiesa può interagire con le istituzioni sulla base della solidarietà e della sussidiarietà»

di Luisa BOVE