L’Arcivescovo ha partecipato a un seminario e a una conferenza pubblica nei quali ha presentato la Fondazione internazionale da lui fondata e presieduta

Scola_Londra 2012

Giovedì 15 novembre il cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano, ha partecipato a due incontri di presentazione della Fondazione Internazionale Oasis, da lui fondata e presieduta: al mattino a Westminster, la sede del Parlamento, è intervenuto a un seminario; nel pomeriggio ha preso parte a una conferenza pubblica presso l’Heythrop College, uno dei college dell’Università di Londra.

Parlare di meticciato a Londra è descrivere un fatto che è sotto gli occhi di tutti: la città più cosmopolita del mondo ospita infatti tutte le etnie, culture e religioni. Ma, ben oltre la vecchia favola “multi-culti”, ciò non avviene senza difficoltà e conflitti. Ecco perché è necessario riandare alle ragioni della convivenza tra diversi che il cardinale Scola, nel suo intervento alla House of Lords, ha individuato nel bene pratico dell’essere insieme.

Un testo fondativo, che per Oasis rappresenta un ulteriore passo: senza dimenticare il mondo a maggioranza musulmana e le comunità cristiane che vi vivono, ma anzi in forza di quell’esperienza, la Fondazione lancia una riflessione sulle sfide che attendono l’Occidente e i suoi modelli di società.

Nel pomeriggio, nella sua lezione all’Heythrop College, il cardinale Scola ha riflettuto in modo più specifico sui quattro cantieri di lavoro comuni che attendono cristiani e musulmani: libertà religiosa, crisi economica, secolarizzazione e questioni etiche. È l’idea della nuova rilevanza culturale che cristiani e musulmani possono avere gli uni per gli altri.

In allegato nel box in alto a sinistra estratti dei discorsi del cardinale Scola a Westminster e all’Heythrop College ripresi dal sito della Fondazione Oasis

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi