Gli auguri pasquali dell’Arcivescovo evocano la sera successiva alla risurrezione, quando Gesù si presentò ai suoi discepoli e portò loro gioia

Delpini

«Vorrei trovare le parole giuste per dire la verità di Pasqua in un clima che sembra negare la Risurrezione e la speranza», confessa l’Arcivescovo nel suo augurio pasquale, in una situazione «inaspettata, strana, perfino mortificante».

Allora prende spunto dalla sera della prima Pasqua: le porte chiuse, i discepoli dentro la casa, intimoriti. «Ma Gesù si presenta, mostra le ferite e i discepoli esultano riconoscendolo». Quella casa si riempì di gioia «non per il contesto favorevole, ma perché Gesù risorto stava in mezzo a loro».

«In questi giorni dobbiamo rinunciare a molte cose a cui eravamo abituati – conclude l’Arcivescovo -, ma non vogliamo rinunciare a riconoscere Gesù risorto in mezzo a noi».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi