Sirio 13 -19 maggio 2024
Share

Personaggi

Mazzolari, la politica e la Dc, convegno a Brescia

Il 13 aprile appuntamento promosso dalla Fondazione a lui intitolata in collaborazione con l’Università Cattolica. Domenica 7 aprile Messa a Bozzolo, suo paese natale, nel 65mo della morte

5 Aprile 2024
Don Primo Mazzolari

La Fondazione Don Primo Mazzolari promuove un convegno di studi dedicato a «Don Primo Mazzolari, la politica, la Democrazia Cristiana», che si terrà a Brescia il 13 aprile, presso la sede del Campus dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Il convegno sarà realizzato in collaborazione con le Raccolte storiche – Archivio per la Storia dell’educazione in Italia, della medesima Università (vedi qui la locandina).

«Le numerose relazioni in programma tracceranno un quadro articolato del modo con cui don Mazzolari guardò e visse la politica del proprio tempo – afferma Matteo Truffelli, presidente della Fondazione Mazzolari -. Oggetto principale del Convegno sarà il rapporto che il parroco lombardo intrattenne con la Democrazia Cristiana e con molti dei suoi principali esponenti». Una particolare attenzione, inoltre, sarà riservata al legame che don Mazzolari ebbe con alcuni dei protagonisti più significativi della politica bresciana dei suoi anni.

Una storia da comprendere

«Sono diverse le motivazioni che hanno spinto la Fondazione Mazzolari a scegliere questo tema per il suo consueto annuale convegno storico – prosegue Truffelli -. Vale la pena ricordare, innanzitutto, che a cavallo tra il 2023 e il 2024 ricorre l’ottantesimo anniversario della nascita della Democrazia Cristiana, nonché il trentesimo del suo scioglimento. Al di là dei legittimi differenti giudizi che possono essere formulati su quella esperienza politica, è indubbio che essa abbia avuto un ruolo decisivo nel dare forma alla democrazia italiana e nell’indirizzare lo sviluppo sociale, culturale e politico non solo del nostro Paese, ma anche dell’Europa. Eppure, la storia della Dc necessita ancora di essere compresa e interpretata in maniera adeguata». Il Convegno si propone di portare un contributo in tal senso, prestando particolare attenzione all’apporto che a quella storia venne dato da don Mazzolari, «sia attraverso le sue pubbliche e spesso sferzanti prese di posizione, sia attraverso la fitta rete di relazioni che egli intrecciò con il partito e con molti suoi esponenti: un rapporto fatto di amicizia, sostegno personale e vicinanza spirituale, ma anche di serrati confronti sul piano politico».

Eredità da valorizzare

Una seconda ragione che ha spinto a mettere al centro del convegno la storia della Democrazia Cristiana e l’apporto che a essa diede Mazzolari «può essere individuata nella convinzione che il modo con cui don Primo si rapportò al partito dei cattolici italiani, ma più ampiamente a tutte le forze politiche del proprio tempo, fu caratterizzato da un’aspettativa alta nei confronti della politica, a cui Mazzolari guardava con un atteggiamento partecipe ma anche esigente, sia dal punto di vista morale che da quello della richiesta di affrontare e risolvere i reali problemi del Paese. Un modo di interpretare la ragion d’essere della politica di cui oggi si avverte con forza l’importanza». Proprio per questo il convengo sarà concluso da una tavola rotonda «che vedrà confrontarsi tra loro alcuni significativi esponenti del cattolicesimo di oggi, con l’intento di promuovere una riflessione sulle possibili modalità di valorizzazione dell’eredità mazzolariana nell’attuale contesto sociale e politico».

Precedentemente, domenica 7 aprile (alle 17) nella chiesa parrocchiale di Bozzolo verrà celebrata una Messa nel 65° anniversario della morte di don Primo (vedi qui la locandina). La liturgia sarà presieduta da monsignor Enrico Trevisi, Vescovo di Trieste, e concelebrata da monsignor Antonio Napolioni, Vescovo di Cremona.