Dopo la pausa estiva riprendono i Dialoghi di Pace, con una forte connotazione ecologica. Prossimo appuntamento il 20 ottobre in Sant’Angelo a Milano

di Giovanni GUZZI

papa Francesco

Sembrerebbe un’idea folle: pensare di poter rendere attraente e trasformare in un momento commovente, emozionante e coinvolgente, un documento come l’annuale Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale della Pace. Per quanto il tema sia sempre all’ordine del giorno, la prospettiva di assistere alla sua lettura integrale può non risultare fra le più entusiasmanti.

I Dialoghi di Pace invece ci riescono, con crescente successo. Avviati nel 2007 in Diocesi di Milano, dove sono presenti con almeno un’edizione di riferimento per ognuna delle sue sette Zone pastorali, oggi attraversano l’Italia grazie a consolidate edizioni che toccano le Marche e arrivano fino in Puglia. La felice formula adottata vede il testo del messaggio suddiviso in brevi, veloci, battute che tre lettori interpretano, facendole proprie e incalzandosi l’un l’altro nella lettura, come se stessero dando vita a un’animata discussione. Una veste artistica completata e amplificata dalla musica, che alle parole è strettamente intrecciata alternandosi a esse in diversi interludi. Cominciando dall’accoglienza del pubblico con un primo “concertino” di benvenuto, che ha la funzione di creare subito in chiesa (o negli altri luoghi in cui l’iniziativa si svolge) un’atmosfera adeguata a vivere al meglio questa esperienza: non prettamente ecclesiale come qualcuno potrebbe credere. Proprio come il Messaggio che diffondono, i Dialoghi di Pace sono infatti rivolti a tutti, e sono perciò espressamente pensati come un tempo che i cristiani cattolici possono vivere anche in preghiera, mentre la spiritualità di chi non lo è, o non ha alcuna convinzione religiosa, suggerisce sempre a ciascuno il modo migliore di prendervi parte, molto piacevolmente, come dichiara chi c’è stato.

Così facendo ci si prefigge di valorizzare i discorsi di papa Francesco nella loro interezza, per aiutarlo a raggiungere credenti e non credenti anche con i contenuti del suo messaggio universale, e non solo con la simpatia umana che suscita.

I Dialoghi di Pace 2017 hanno ancora in programma (almeno) due date “francescane” nel mese di ottobre: il 20 sotto gli affreschi cinquecenteschi della chiesa di Sant’Angelo a Milano, il 28 letteralmente in riva al mare di Fano (PU), nelle Marche. Due edizioni espressamente organizzate a cavallo della ricorrenza della giornata di preghiera interreligiosa indetta ad Assisi da Giovanni Paolo II il 27 ottobre 1986.

Chi abita in zona è invitato a partecipare portandosi un bicchiere “non usa e getta”, nel quale, come forma di sensibilizzazione sulla Laudato Si’, saranno servite bevande del Commercio Equo e Solidale. Una delle numerosissime realtà sociali che, insieme a molte istituzioni pubbliche (incluse le Regioni Marche e Lombardia), sostengono e co-promuovono l’iniziativa assicurandole il duplice respiro ecclesiale e civile al quale tiene sempre tanto chi l’ha ideata. Che invita anche altri a “copiare” l’idea, organizzando edizioni autonome avvalendosi delle indicazioni pubblicate sul sito www.rudyz.net/dialoghi (sempre aggiornato anche con date e informazioni sui nuovi appuntamenti che via via si susseguono ormai incessantemente per tutto l’arco dell’anno).

Intanto si lavora già all’edizione 2018: già in calendario il 22 gennaio a Seregno (ormai stabile riferimento per il Decanato di Seregno e Seveso e tutti i Comuni sui quali insiste e il 10 febbraio a Cinisello Balsamo (per l’intera Zona pastorale VII di Sesto San Giovanni).

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi