Alla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale un corso interdisciplinare in sei moduli, organizzato dalla Facoltà in collaborazione con Pastorale diocesana della salute e la Fondazione Poliambulanza di Brescia. Iscrizioni entro il 2 febbraio

facolta teologica

La bioetica è una disciplina “giovane”, che ha meno di cinquant’anni. Nonostante la sua breve vita, si è ormai imposta nel mondo intero a motivo dell’impatto che il grande sviluppo tecnico-scientifico ha nei confronti della pratica medica e dei risvolti umani, culturali, economici, giuridici e teorici che vi sono implicati.

I dilemmi urgenti posti dalla medicina si incrociano con le grandi questioni inscritte nell’esperienza della vita: il nascere, il morire, il soffrire. In questo orizzonte è compito della riflessione filosofica e teologica, unitamente al contributo interdisciplinare delle altre scienze coinvolte, rispondere alle domande e alle sollecitazioni che chiedono di essere approfondite.

Da queste considerazioni nasce il corso interdisciplinare di bioetica, secondo le prospettive filosofiche e teologiche, organizzato dalla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale, in collaborazione con la Diocesi di Milano e il suo Ufficio di Pastorale della salute e con la Fondazione Poliambulanza di Brescia, coordinato da Maurizio Chiodi e Massimo Reichlin, che si svolgerà dall’1 marzo al 31 maggio presso la sede della Facoltà teologica (piazza Paolo VI 6, Milano).

Il corso è strutturato in sei moduli (di sei ore l’uno per un totale di 36 ore), variamente articolati, che prevedono lezioni cattedratiche e interattive e tavole rotonde, in vista dell’approfondimento e dell’analisi dei temi proposti alla discussione interdisciplinare. Avrà come testo di riferimento il volume Morale della vita. Bioetica in prospettiva filosofica e teologica, di M. Chiodi e M. Reichlin (Queriniana, Brescia 2017). Sono stati preassegnati n. 25,2 crediti ECM.

Dopo un’introduzione dedicata alla nascita della bioetica, verranno affrontati i temi del nascere e del morire, a cui faranno seguito due “focus”, dedicati rispettivamente alla procreazione medicalmente assistita e alle Dichiarazioni anticipate di trattamento. A conclusione, l’ultimo modulo avrà come tema l’esperienza del patire e del soffrire.

L’iniziativa è rivolta, oltre che agli studenti e agli uditori della Facoltà, come un normale corso di specializzazione, a tutti gli operatori socio-sanitari interessati alla bioetica. Per gli operatori che richiedono i crediti formativi verrà proposto un test di valutazione dell’apprendimento. Per gli studenti e gli uditori della Facoltà l’esame finale si svolgerà secondo i canoni classici. Per questi studenti il corso fornirà crediti corrispondenti a una annualità, prevedendo 48 ore accademiche di docenza.

Le iscrizioni devono pervenire alla Segreteria accademica della Facoltà teologica entro e non oltre venerdì 2 febbraio, inviando via e-mail (segreteria@ftis.it) o fax (02-72003162) il modulo on line. Si accettano al massimo 70 iscrizioni (4 riservate a Fondazione Poliambulanza).

Per le modalità di pagamento e di eventuali disdette si rimanda al depliant allegato.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi