Sirio 20 -25 maggio 2024
Share

Coe

Il volontario secondo don Pedretti

Nel 60° di attività e a vent’anni dalla morte del fondatore, l'associazione ripropone alcuni suoi scritti anche inediti sul volontariato internazionale cristiano

26 Giugno 2019
Don Francesco Pedretti con il cardinale Carlo Maria Martini

A vent’anni dalla morte del suo fondatore don Francesco Pedretti – e a distanza di quasi vent’anni dalla prima edizione – l’Associazione Coe ripropone alcuni suoi scritti, in parte inediti, sul volontariato internazionale cristiano, raccolti nel volume Il volontario è… Dagli appunti di don Francesco Pedretti (Teka Edizioni, 48 pagine, 12 euro).

Don Pedretti nacque ad Albairate (Milano) il 10 aprile 1922 e fu ordinato sacerdote il 26 maggio 1945. Ricoprì importanti incarichi nella Diocesi di Milano e nella Chiesa Italiana e promosse la nascita del Coe. Sostenne e visitò molte realtà missionarie e di volontariato in Africa, Asia e America Latina. Morì a Barzio il 9 luglio 1999.

Il volume riunisce testi tratti dai suoi diari, dalle giornate di formazione dei volontari, dagli incontri con insegnanti, professionisti, registi, in Italia o con partner in Africa, in Asia e in America Latina. Don Pedretti precorse i tempi spendendo le sue energie nella formazione dei laici, aprendo loro le strade del mondo e invitandoli a percorrerle con responsabilità propria. Impostò la sua azione formativa su due elementi portanti: lo sviluppo integrale dell’uomo e il motto benedettino «Ora et labora».

Il primo sentimento che scaturisce da questo binomio è la gioia che viene dalla certezza che ogni uomo, pur nelle difficoltà della vita, è chiamato a realizzare se stesso in un contesto di fraternità che va costruito insieme, perché tutti gli uomini sono figli di un unico Padre. La gioia apre all’incontro con gli altri, allo scambio di valori, alla collaborazione, alla corresponsabilità e alla condivisione. Ed è proprio nel condividere con gli altri come ha fatto Gesù, nell’essere attenti allo Spirito Santo che tutto crea e rinnova, che mette particolarmente i laici in atteggiamento di cogliere il disegno di Dio sull’umanità e di impegnarsi nei vari settori e attività, nell’aiuto e nello scambio reciproco di ciò che è bello, buono e utile, favorendo un dialogo costruttivo fra tutti i popoli e le culture.

Leggi anche

Barzio
delpini coe AAAQ

«Coe, protagonisti di una storia nuova che ascolta il grido dei poveri e dei miti»

L’incontro con le realtà del territorio, la cura per la vocazione dei giovani attraverso la proposta del volontariato e il favorire la Chiesa dalle genti: questi gli auspici dell’Arcivescovo per i 60 anni dell'associazione e nel ventennale della morte di don Francesco Pedretti

di Annamaria Braccini