Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/il-papa-la-fede-sia-scandalo-in-una-societa-anestetizzata-dal-consumismo-2810160.html
Speciale

La Settimana sociale di Trieste

Sirio 15 - 21 luglio 2024
Share

Trieste

Il Papa: la fede sia scandalo in una società anestetizzata dal consumismo

Nella Messa a conclusione della 50.ma Settimana sociale forte l’appello a impegnarsi insieme per una nuova civiltà di pace e fraternità

di Paolo ONDARZA

8 Luglio 2024
L'arrivo di papa Francesco in Piazza Unità d'Italia a Trieste

Da Vatican News

Di fronte alle sfide sociali e politiche che ci interpellano c’è bisogno dello scandalo della fede. È l’appello pronunciato da Francesco durante la Messa presieduta in Piazza Unità d’Italia a Trieste a conclusione della 50.ma Settimana Sociale dei Cattolici e concelebrata da 98 presuli e 260 sacerdoti. Presenti circa 8500 fedeli. Con loro anche vescovi e pastori delle chiese serbo-ortodossa, greco-ortodossa e luterana.

La fede che mette il dito nelle piaghe della società

Non abbiamo bisogno di una religiosità chiusa in sé stessa, che alza lo sguardo fino al cielo senza preoccuparsi di quanto succede sulla terra, ammonisce, ma di una fede radicata nel Dio fatto uomo, che entra nella storia e risana i cuori spezzati: «È una fede che sveglia le coscienze dal torpore, che mette il dito nelle piaghe della società, che suscita domande sul futuro dell’uomo e della storia; è una fede inquieta, che ci aiuta a vincere la mediocrità e l’accidia del cuore, che diventa una spina nella carne di una società spesso anestetizzata e stordita dal consumismo. È, soprattutto, una fede che spiazza i calcoli dell’egoismo umano, che denuncia il male, che punta il dito contro le ingiustizie, che disturba le trame di chi, all’ombra del potere, gioca sulla pelle dei deboli. Quanti usano la fede per sfruttare la gente? Quella non è fede».

Il Papa chiede: «Avete pensato se il consumismo, quell’ansia di sprecare e avere di più, è entrato nel vostro cuore? Il consumismo è una piaga, un cancro che ammala il cuore».

La profezia della ferialità

Il Santo Padre esorta a imitare Gesù che «ha vissuto nella propria carne la profezia della ferialità, entrando nella vita e nelle storie quotidiane del popolo». Tra i suoi compaesani a Nazaret, come i profeti, viene rifiutato, diviene una pietra di inciampo, motivo di scandalo. «Lo scandalo che impedisce a queste persone di riconoscere la presenza di Dio in Gesù è il fatto che Egli è umano», si è fatto debole «fino a venire nella carne e abbassarsi a lavare i piedi dei discepoli».

Spiega il Papa: «Fratelli e sorelle, questo è lo scandalo: una fede fondata su un Dio umano, che si abbassa verso l’umanità, che di essa di prende cura, che si commuove per le nostre ferite, che prende su di se le nostre stanchezze, che si spezza come pane per noi. Un Dio forte e potente, che sta dalla mia parte e mi soddisfa in tutto è attraente; un Dio debole, che muore sulla croce per amore e chiede anche a me di vincere ogni egoismo e offrire la vita per la salvezza del mondo, è un Dio scomodo».

L’infinito di Dio nella miseria umana

Un esempio per ogni cristiano, chiamato a testimoniare il Regno di Dio in ogni luogo di vita: «Non dimentichiamolo: Dio si nasconde negli angoli scuri della vita e delle nostre città, la sua presenza si svela proprio nei volti scavati dalla sofferenza e laddove sembra trionfare il degrado. L’infinito di Dio si cela nella miseria umana, il Signore si agita e si rende presenza amica proprio nella carne ferita degli ultimi, dei dimenticati e degli scartati».

Vivere come fratelli tutti

Non per le piccole cose, ma per il male che dilaga, per la vita umiliata, per le problematiche del lavoro, le sofferenze dei migranti, le ingiustizie, la condizione dei carcerati, per tutte «le situazioni in cui la vita viene abbrutita, ferita e uccisa» e che non vogliamo guardare perché «abbiamo paura di trovare Cristo». Per questo dovremmo scandalizzarci secondo Francesco, che da Trieste, crocevia europeo di popoli e culture, esorta tutti a credere in una nuova civiltà fondata su pace e fraternità: «A questa Chiesa triestina vorrei dire: avanti! Continuate a impegnarvi in prima linea per diffondere il Vangelo della speranza, specialmente verso coloro che arrivano dalla rotta balcanica e verso tutti coloro che, nel corpo o nello spirito, hanno bisogno di essere incoraggiati e consolati. Impegniamoci insieme: perché riscoprendoci amati dal Padre possiamo vivere come fratelli tutti. Tutti fratelli con quel sorriso dell’accoglienza e della pace dell’anima».

La sfida dell’incontro con il Vangelo e la Costituzione

All’Angelus al termine della Messa il Papa indica la sfida per la comunità ecclesiale e civile: «Saper coniugare l’apertura e la stabilità, l’accoglienza e l’identità»: «E allora mi viene da dire: avete le “carte in regola” per affrontare questa sfida! Come cristiani abbiamo il Vangelo, che dà senso e speranza alla nostra vita; e come cittadini avete la Costituzione, “bussola” affidabile per il cammino della democrazia». Infine il Pontefice esorta ad andare «avanti, senza paura, aperti e saldi nei valori umani e cristiani, accoglienti, ma senza compromessi sulla dignità umana. Su questo non si gioca»