Sirio 22-29 febbraio 2024
Share

Testimonianza

«Il mio servizio civile con i ragazzi di strada in Zambia»

L’esperienza di Marco Trovò, volontario nell’ambito del progetto del Celim nel Mthunzi Centre

di Enrico Casale

10 Gennaio 2023

Amicizia, solidarietà, ma anche un impatto con una realtà impegnativa. Sono queste le sensazioni che Marco Trovò, volontario nell’ambito del progetto di servizio civile «Caschi bianchi per l’educazione e la formazione», ha provato quando è arrivato in Zambia per lavorare al Mthunzi Centre, struttura dedicata al recupero dei ragazzi di strada nell’ambito del progetto di Celim, Ong milanese di ispirazione cristiana, «Street Children. Inclusione sociale dei ragazzi di strada».

Un’esperienza di crescita

Quella del servizio civile internazionale è un’esperienza che lo ha aiutato a crescere, ad avere una prospettiva completa del mondo e a rafforzare la propria sensibilità. «“We belong to each other” è la scritta che appare su una grossa targa dipinta a mano dai ragazzi all’ingresso del Mthunzi Center e accoglie chi entra – osserva Marco -. Cosa significhi questa frase, e quanto sia una vera e propria filosofia d’azione nel centro, si comprende subito. Ai piedi di un enorme albero di Jacaranda, che sorge nel bel mezzo del cortile del Mthunzi, bambini e ragazzi trascorrono il loro tempo libero assieme».

Ciò che ha colpito Marco è lo spirito di appartenenza e condivisione che esiste tra i giovani, «uno spirito che si legge nei loro sguardi e si manifesta in una moltitudine di azioni che compiono ai piedi di quel grande albero: dal raccontarsi le proprie storie di vita all’aiuto che i ragazzi prestano nel preparare il pranzo e nel sistemare i vari utensili utilizzati dopo aver consumato le proprie vivande».

Una seconda opportunità

«We Belong to each other» è, secondo Marco, «un autentico inno a un senso di comunità che viene rinnovato negli ambienti del Mthunzi». I ragazzi che frequentano la struttura, infatti, sono ex bambini e ragazzi di strada, cresciuti nelle vie di Lusaka, lontani dalla loro famiglia, tra dipendenze e abusi, ma anche tra analfabetismo e mancanza di istruzione, vivendo alla giornata con i pochi soldi ricavati tra elemosina e piccoli furti. Grazie alle strutture del Centro Mthunzi, viene loro data loro una seconda opportunità, fornendo un tetto sicuro dove potersi riposare la notte, tre pasti caldi al giorno, ma anche e soprattutto l’accesso all’istruzione e un ambiente amichevole e stimolante dove spendere le proprie ore di tempo libero, praticando attività ricreative, sport, nonché lo sviluppo della propria persona.

«Tutto questo – continua Marco – contribuisce allo sviluppo di un forte senso di comunità, al “belonging to each other”, fortemente contrapposto alla vita dura e fortemente individuale vissuta in strada. E proprio questo senso di comunità è ciò che mi ha accolto sin dalla mia prima visita al Mthunzi quando, davanti a un piatto caldo di nshima (una sorta di polenta di mais, piatto comune in Zambia), un mio “enjoy the meal” rivolto ai ragazzi ospiti del centro è stato sufficiente per diventare subito il loro “italian brother”».

Sfida e speranza

Essere parte di questo progetto, grazie al quale viene donata una seconda possibilità a bambini e ragazzi che altrimenti sarebbero socialmente esclusi, garantendo loro l’assicurazione di un nucleo essenziale di diritti umani, come l’accesso all’istruzione, a un tetto sopra alla testa e a un’alimentazione sana ed equilibrata, è per Marco, «sicuramente una grande sfida, da affrontare sfruttando ogni minima risorsa a disposizione, ma che mi riempie il cuore di speranza e motivazione verso questa mia nuova avventura».

Per saperne di più sul servizio civile nel Celim clicca qui.