Sul tema «Una ricchezza da donare», convegni, testimonianze ed eventi teatrali

!cid_image003_jpg@01D57392

Sarà un ottobre missionario davvero straordinario sul tema «Una ricchezza da donare», quello che al Centro Pime di Milano (viale Monte Rosa) si apre sabato 5 ottobre con un convegno su «Missione, inculturazione e globalizzazione», con la partecipazione di Enzo Bianchi, monaco di Bose, e altri illustri relatori.

Dal 9 ottobre riprendono i mercoledì del Pime con un ospite di eccezione, il cardinale Michael Fitzgerald, già prefetto del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso e nunzio apostolico in Egitto. Venerdì 11 ottobre, invece, si inaugura la stagione teatrale Pime con un concerto a sostegno dei missionari in Amazzonia.

Ecco il programma completo.

Sabato 5 ottobre (9.30-16.30): convegno «Io non finirei mai di parlare di lui. Le sfide della missione oggi tra inculturazione e globalizzazione», con Enzo Bianchi (monaco di Bose), Efrem Tresoldi (missionario comboniano), Mario Antonelli (fidei donum in Brasile) e Franco Cagnasso (missionario del Pime in Bangladesh); nel pomeriggio Massimo Casaro (coordinatore ufficio storico Pime) e Paola Rampoldi (responsabile Museo Popoli e Culture).

Mercoledì 9 ottobre, ore 21: «Missione e dialogo interreligioso», con il cardinale Michael Fitzgerald, già Prefetto del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso e Nunzio apostolico in Egitto. Un uomo di dialogo. Il cardinale Michael Fitzgerald – che ha ricevuto la porpora lo scorso 5 ottobre da Papa Francesco – è certamente tra le figure della Chiesa che maggiormente hanno consacrato la vita alla conoscenza, all’incontro e, appunto, al dialogo con l’altro, e specialmente con esponenti delle altre religioni. Missionario dei Padri Bianchi, grande esperto di cultura araba, è stato per quasi un ventennio ai vertici del Segretariato per i non cristiani, poi Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, e successivamente, per oltre un lustro, nunzio apostolico in Egitto. Ha vissuto quindi alcuni anni nella comunità dei Padri Bianchi di Gerusalemme, a Sant’Anna, nel cuore della città vecchia, continuando a tessere relazioni con i fedeli di tutte le religioni. E proprio in uno spirito di condivisione e incontro parlerà di dialogo, missione e annuncio, condividendo anche alcune esperienze sul campo.

Mercoledì 16 ottobre, ore 21: «Dalla guinea al mondo», con Fabio Motta, missionario del Pime in Guinea Bissau e attuale vicario generale dell’Istituto. Che cosa significa essere “Chiesa in uscita” quando si vive in un minuscolo e remoto villaggio della Guinea Bissau? E cosa significa per un Istituto missionario come il Pime? Partendo dalla sue esperienza nel piccolo Paese dell’Africa occidentale e nella nuova veste di vicario generale del Pime, padre Fabio Motta rilegge alcune esperienze significative vissute in quelle estreme periferie a cui, con il suo magistero, Bergoglio non si stanca di chiamare. Ma prova a riflettere anche sul senso e sulle sfide della missione oggi. Convinto che «la Chiesa, in qualunque angolo del mondo, è tale se ha il coraggio di uscire». 

Mercoledì 23 ottobre, ore 21: «Ritorno in Siria», con Jihad Youssef, monaco monastero di Mar Musa.

Mercoledì 30 ottobre, ore 21: «Amazzonia, le sfide del dopo-Sinodo», con Dario Bossi, missionario comboniano in Brasile a conclusione della Campagna Pime “Un grido per l’Amazzonia”

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi