Percorsi ecclesiali

Il Natale 2023 nella Chiesa ambrosiana

Share

Video

L’Arcivescovo: «Il 2024 sia l’anno della fiducia»

L’augurio di monsignor Delpini ai fedeli ambrosiani: «Impariamo a pregare, ad avere stima di noi stessi e a guardare gli altri come persone che possono essere buone e fare del bene»

31 Dicembre 2023

Nel suo messaggio augurale ai fedeli ambrosiani all’inizio del nuovo anno, l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, confessa il suo desiderio «di accompagnare ogni giorno con una benedizione del Signore». E definisce il 2024 «l’anno della fiducia», quella che trova il suo fondamento in Dio che, come ci ha rivelato Gesù, «è fedele, ci ama e ci dona la sua vita».

Una fiducia nella capacità di «pregare un po’ meglio» e di «avere più stima di noi stessi». Delpini sottolinea che «non abbiamo ancora messo a frutto tutto quello che c’è dentro di noi», in termini di «talenti, risorse, possibilità, pensieri, affetti…». Ma «sotto lo sguardo di Dio» è possibile riconoscere di essere capaci «di fare meglio, di fare di più, di amare con cuore più semplice e puro, di pensare con pensiero più libero e audace».

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

Fiducia legata anche alle «buone ragioni per avere stima degli altri», che non sono «sagome» classificate «in modo sbrigativo», ma persone «che hanno un cuore, una mente, delle ferite, delle risorse». E che, se guardate «con benevolenza», rivelano «quanto bene possono darci e farci». Gli altri, allora, «meritano fiducia, meritano stima e meritano di essere provocati a esprimere il bene che possono fare per noi e per tutti».