Terzo appuntamento del ciclo ispirato alla «Fratelli tutti». Elio Savi, presidente di ReAgire (che organizza insieme alla Comunità di Sant’Egidio e all’Ordine francescano secolare): «Affronteremo il tema delle molte periferie geografiche, sociali ed esistenziali»

di Stefania CECCHETTI

nuovipoveri2021-900x445

Riflettere sulla crisi economica e sociale che la pandemia ha esasperato ed elaborare risposte prendendo spunto dalle indicazioni di papa Francesco. È questo l’obiettivo del ciclo di incontri «Fratelli tutti e bene comune, per contrastare la crisi sociale», organizzato dall’associazione di promozione sociale ReAgire, insieme alla Comunità di Sant’Egidio e all’Ordine francescano secolare, rivolto a chiunque sia interessato al bene comune.

Dopo la riflessione sull’impatto della pandemia a Milano e sul mondo del lavoro, nel terzo e ultimo appuntamento, in programma lunedì 7 giugno alle 20.45, il confronto avverrà sul tema «Pensare e generare un mondo aperto». Moderati da Giorgio Del Zanna, della Comunità di Sant’Egidio, interverranno monsignor Luca Bressan, vicario episcopale per Cultura, Carità, Missione e Azione sociale; Alessandro Galbusera, segretario di Presidenza Acli milanesi con delega alle politiche dell’abitare e del territorio; Cristina Pasqualini, del Dipartimento di sociologia dell’Università cattolica/Istituto Toniolo; Deidamia Moran Calderon, della comunità salvadoregna. Per partecipare è necessario registrarsi sulla pagina web reagireinsieme.org/fratellitutti.

Ai tre incontri di discernimento seguirà la seconda fase del progetto, che a partire da un incontro in programma il 21 giugno – pensato per fare il punto su quanto emerso nelle tre riflessioni – intende elaborare proposte concrete di risposta alla crisi, da concretizzarsi dopo l’estate.

«Alla base di questo progetto – spiega Elio Savi, presidente di ReAgire – c’è la constatazione che la pandemia ha causato enormi problemi sanitari, ma anche gravi disagi economici, soprattutto nelle persone che già prima avevano difficoltà a trovare lavoro e che non hanno potuto beneficiare di nessun ristoro. Il rischio è che questa situazione accentui le diseguaglianze, creando una forte crisi sociale. Come membri di ReAgire, ci siamo chiesti cosa fare per contrastare questo fenomeno. Una domanda che abbiamo voluto rivolgere a tutti, credenti e non, perché i problemi degli altri sono anche i nostri, se cominciamo a pensare la nostra società come una società aperta».

È proprio questo il tema dell’incontro del 7 giugno, dal titolo «Pensare e generare un mondo aperto»: «Affronteremo il tema delle molte periferie geografiche, sociali ed esistenziali – spiega Savi -. L’idea, già sottesa al Sinodo minore “Chiesa dalle genti”, è di passare dal “noi e loro” al “noi insieme” di una società coesa e solidale. Durante il percorso di discernimento abbiamo incontrato una serie di associazioni e gruppi che hanno interesse verso questa idea di società. Ora si tratterà di individuare alcuni passi concreti da fare insieme». Per quanto riguarda le politiche di accompagnamento al lavoro – che è un po’ lo specifico di ReAgire – questo potrebbe significare coinvolgere persone che vogliano mettere a disposizione la propria esperienza per aiutare chi, per diversi motivi, non è più competitivo sul mercato del lavoro, in una logica solidale.

«Il riferimento alla Fratelli tutti – conclude Savi – non è solo ai contenuti dell’enciclica, ma è un tentativo di coinvolgere attivamente il mondo diocesano. Troppo spesso nei nostri ambienti ci si limita a formarsi, ad ascoltare riflessioni, mentre è necessario anche mettersi in moto concretamente per affrontare insieme questi problemi».

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi