Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/cenacolo-giovani-in-ricerca-vocazionale-2-2510450.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Azione Cattolica

Il Cenacolo mette a frutto il discernimento vocazionale

Al Centro diocesano di Milano il 27 settembre incontro di presentazione del cammino (personale e comunitario) proposto ai giovani dai 20 ai 30 anni

22 Settembre 2023

Mercoledì 27 settembre, dalle 18 alle 20, presso il Centro diocesano di via Sant’Antonio 5 a Milano, verrà presentata la proposta del Cenacolo. «Il Cenacolo è un cammino spirituale che intende favorire una ricerca aperta a ogni scelta vocazionale da vivere all’interno del proprio “ordinario” cammino di fede», spiegano i membri dell’Equipe di coordinamento della proposta, composta dall’assistente diocesano dell’Azione cattolica don Cristiano Passoni, una consacrata, l’ausiliaria diocesana Paola Gervasi, e un laico sposato, Andrea Borsa. «L’incontro di presentazione è aperto a tutti i giovani interessati tra i 20 e i 30 anni circa che desiderano conoscere più da vicino questo percorso».

Pur essendo nato all’interno dell’Azione cattolica più di 85 anni fa, il Cenacolo non è un’esperienza esclusiva dell’associazione, ma è aperta a tutti i giovani della diocesi; viene infatti proposto come uno dei possibili esiti di “fruttificazione” dell’itinerario di discernimento vocazionale del Gruppo Samuele. Il percorso ha una durata massima di cinque anni, ogni anno è dedicato a uno dei seguenti aspetti fondanti della vita cristiana: l’amore povero, l’amore casto, l’amore obbediente, il discernimento e la preghiera.

L’esperienza del Cenacolo si configura come un cammino personale e comunitario, si articola in incontri mensili (al Centro pastorale di Seveso), esercizi spirituali in Avvento e Quaresima e con l’incontro con il Vescovo o un suo rappresentante due volte all’anno in occasione del rinnovo delle “promesse temporanee” (della durata di sei mesi) di obbedienza, povertà e castità. Le “promesse” sono uno degli elementi caratterizzanti il cammino, perché interpellano la libertà dei giovani come “tirocinio” agli impegni definitivi che ogni vocazione comporta.

«Fondamentale e imprescindibile – aggiungono ancora i responsabili – è inoltre il lavoro personale richiesto a ogni giovane con la propria guida spirituale, con cui individuare i passi più significativi da percorrere e anche decidere quando è più opportuno concludere l’esperienza del Cenacolo».

Per informazioni: cenacolo@azionecattolicamilano.it