Link: https://www.chiesadimilano.it/news/attualita/abbiategrasso-la-fondazione-guzzetti-istituire-lo-sportello-psicologico-nelle-scuole-1783204.html
Share

Disagio

Abbiategrasso, la Fondazione Guzzetti: «Istituire lo sportello psicologico nelle scuole»

Durante una lezione uno studente ha accoltellato un’insegnante. Michele Rabaiotti: «No a scenari da far west, ma è urgente intercettare le fragilità di tanti ragazzi»

30 Maggio 2023
Michele Rabaiotti

Uno studente “turbolento”: così è stato definito il ragazzo che lunedì 29 maggio ha accoltellato la sua professoressa di Italiano e Storia, durante una lezione in una scuola di Abbiategrasso. L’adolescente si è presentato in aula armato di pugnale e pistola giocattolo e, dopo l’aggressione alla docente, ha minacciato anche i suoi compagni. Dopo essere stato bloccato dai Carabinieri, è stato trasferito all’ospedale San Carlo per medicare le ferite che si è autoinferto con il pugnale e poi trasferito nel reparto di Neuropsichiatria infantile del San Paolo di Milano.

«Questo evento – nella sua gravità – sottolinea ancora una volta la situazione di fragilità di tanti nostri ragazzi», dice Michele Rabaiotti, direttore di Fondazione Guzzetti, una realtà che comprende sette consultori familiari nella città di Milano. Nel 2022 gli operatori e le operatrici della Fondazione hanno incontrato più di 14.000 studenti nelle scuole di Milano, anche attraverso la formula dello sportello psicologico. Si tratta di un servizio offerto soprattutto nelle scuole superiori a tutti gli studenti e le studentesse che necessitano di un supporto psicologico per affrontare le fatiche della vita quotidiana, non solo in ambito scolastico, ma anche in famiglia, nelle relazioni amorose e amicali, nella gestione dello stress, dell’ansia e nella progettualità del futuro.

«Quello che è successo nella scuola di Abbiategrasso non dovrebbe farci nascere preoccupazioni da far west, con riferimento agli scenari statunitensi, per via dell’uso delle armi – spiega Rabaiotti -. Credo piuttosto che sia importante un’azione che intercetti le fragilità anche psichiatriche di tanti nostri ragazzi, attraverso una presenza più capillare e continuativa di sportelli psicologici nelle scuole di Milano. In questo modo i professionisti, psicologi e psicoterapeuti, possono intercettare o cogliere direttamente i bisogni di ragazzi e ragazze che stanno vivendo una fase di forte fragilità».

Non è casuale che un evento come questo sia accaduto negli ultimi giorni del mese di maggio. «Il periodo di fine anno scolastico potrebbe essere stato un detonatore per le situazioni di stress accumulate nel corso dei mesi precedenti – dice Rabaiotti -. In ogni caso, l’episodio indica che tanti dei nostri studenti vivono la scuola come un luogo straniero, distante, verso cui sfogare la propria rabbia. Fa riflettere anche il fatto che l’oggetto di questa violenza non sia stato solo l’insegnante. L’aggressività del ragazzo ha colpito tanto la docente quanto il gruppo classe. Come spesso accade oggi nella manifestazione di emozioni forti, l’esito non è stato solo esterno. Nei nostri consultori abbiamo osservato più volte come il periodo pandemico abbia aggravato nei ragazzi modalità disfunzionali di ges1one della rabbia, come se una pentola a pressione esplodesse, generando conseguenze negative per sé e per gli altri».

«Ecco perché riteniamo urgente istituire in ogni scuola superiore di Milano uno sportello psicologico in ottica di prevenzione di episodi come questi: solo così potremo sostenere tanti nostri studenti nell’affrontare il disagio che vivono», conclude Rabaiotti.