Link: https://www.chiesadimilano.it/news/arte-cultura/il-teatro-del-borgo-ha-riaperto-il-sipario-1497921.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Milano

Il Teatro del Borgo ha riaperto il sipario

Dietro il ritorno all’attività della sala di via Verga l’impegno di don Mario Longo, già parroco della Santissima Trinità: giovani coinvolti nella gestione, spettacoli da fine febbraio e spazio alle proposte cinematografiche

di Gabriele Lingiardi

4 Febbraio 2023
La serata di inaugurazione

Ogni sala che apre è una buona notizia, ma è anche il frutto di anni di sacrifici, di lavoro, di pianificazione. Un salto nel vuoto, soprattutto in un momento storico dove la tendenza, invece che a inaugurare, è quella di chiudere i centri di cultura, spesso alle prese con difficoltà economiche. Ci sono però operatori culturali ostinati, persone che non si rassegnano e vanno controcorrente.

Uno di questi è don Mario Longo, ex parroco della Santissima Trinità di Milano che, insieme a un gruppo di laici, ha contribuito alla riapertura del Teatro del Borgo. Le sue parole esprimono la stanchezza di 14 anni di impegno per restituire alla cittadinanza la sala polifunzionale di via Giovanni Verga, nel cuore della Chinatown milanese. Il tono della sua voce è invece quello di chi ha ancora uno spirito combattivo. La sua missione è di seguire le indicazioni di papa Francesco sulla cultura, creare occasioni di crescita e luoghi che accolgano le persone senza alcuna distinzione. Una Sala della comunità che parli alla cittadinanza e che si esprima anche attraverso il bello. Una Chiesa che ritorni a curare la comunicazione e a offrire occasione di crescita.

Teatro del Borgo
L’ingresso del Teatro

Investire in cultura

Longo non è preoccupato per i soldi spesi senza la certezza di recupero in poco tempo: «Fare cultura è un investimento, non una fonte di guadagno monetario, altrimenti avremmo fatto un centro massaggi», dice. È angosciato invece da quella che definisce la povertà umana, quella della profondità di pensiero. Sostiene che i palcoscenici vadano riempiti a ogni costo e non lasciati all’incuria. Meglio se a farlo sono i giovani, come accade nel Teatro del Borgo: «Mi sono commosso nel guardare i giovani e giovanissimi fare le maschere e dare una mano. Ho fatto vedere il teatro anche ai ragazzi del catechismo e ho detto loro: “Questa sala è vostra, sarete voi tra pochi anni a gestirla!”», racconta pochi giorni dopo l’inaugurazione. È stato un momento di festa, accompagnato dalla presenza dell’attore Giovanni Storti (del celebre trio Aldo Giovanni e Giacomo); con lui anche il coordinatore artistico del teatro, Fabio Zulli.

Perché aprire una sala? La risposta è redatta in un documento di 144 pagine, contenente il progetto di rilancio e la visione sul lungo periodo. La sintesi di questi fogli viene dal film Fitzcarraldo che ha ispirato l’impresa. In quella pellicola «chi sogna può muovere le montagne» e ossessionarsi per «portare l’opera lirica in Amazzonia». Nel caso del Teatro del Borgo, invece, Longo si sente «al centro di Milano e quindi al centro del mondo», dove non può mancare uno spazio di aggregazione.

Teatro del Borgo
Il pubblico presente in sala

I programmi

La programmazione dello spettacolo dal vivo inizierà la sera del 24 e del 25 febbraio con lo spettacolo di Ippolita Baldini Mia mamma è una marchesa. Sarà una prima stagione caratterizzata dalla riscoperta delle sfumature dell’umano. Non ci sarà solo teatro, ma anche proposte cinematografiche che si affiancheranno ai corsi di teatro e a diverse attività originali in cantiere.

Don Gianluca Bernardini, presidente di Acec Milano, esprime il suo plauso per l’apertura della sala «in un quartiere che ci chiama a guardare oltre la parrocchia e apre le sue porte attraverso proposte culturali che uniscono e creano comunione».