Un weekend di sport e arte senza barriere con la Nazionale Volley Femminile Sorde, la campionessa paralimpica Giusy Versace, la mostra fotografica Voci dal silenzio e un workshop di teatro integrato sordi e udenti con Laboratorio Silenzio

Giusi Versace

A Milano, nelle giornate 6-7-8 ottobre 2017 si svolgerà in piazza Carrara 17, al Centro Culturale Asteria Milano, la terza edizione di un evento nato nel 2015 in occasione del 160° anniversario di una storica realtà filantropica, la Fondazione Pio Istituto dei Sordi di Milano che anche quest’anno sponsorizza il weekend “Volare oltre. I limiti. La sfida. La vittoria” in cui scoprire lo sport e l’arte senza barriere. L’evento ha il sostegno della Federazione Sport Sordi Italia ed è patrocinato dal Municipio 5 Comune di Milano e da Fondazione Cariplo.

Sarà possibile partecipare, gratuitamente, a incontri sportivi con la Nazionale italiana volley femminile sorde e a laboratori di teatro con il Laboratorio Silenzio (*). L’8 ottobre, invece sarà inaugurata la mostra fotografica “Voci dal silenzio” di Giacomo Albertini – tivedotisento che resterà aperta al Centro Asteria fino al 29 ottobre.
Domenica 8 ottobre alle ore 15 l’evento si concluderà con un dibattito insieme a persone che sanno trasmettere amore per la vita andando oltre i limiti, affrontando la sfida della disabilità e conquistando giorno per giorno autonomia e realizzazione di sé e anche grandi vittorie. L’incontro sarà animato da Claudio Arrigoni del blog Invisibili del Corriere della Sera; parteciperà Giusy Versace, grande figura dello sport paralimpico oltre che le ragazze della Nazionale Volley Sorde tornate vittoriose con la medaglia d’argento dalle Deaflympics 2017. Porteranno il loro contributo rappresentanti di Associazioni (tra le altre CODA, ANACA e ASU) e Istituzioni, oltre che Giacomo Albertini autore delle foto in mostra. L’incontro sarà accessibile con interpretariato LIS e servizio di sottotitolazione a cura di CulturAbile – Audiodescrizione e Sottotitolazione Onlus.

L’evento è in concomitanza della Giornata Mondiale del Sordo che si celebra ogni anno l’ultima settimana di settembre per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni sulle persone sorde, sulla loro comunità e sui loro diritti. In occasione della prima edizione del raduno (http://paralimpici.gazzetta.it/2015/09/26/volare-oltre-i-limiti-sordita-e-volley-nella-giornata-mondiale-dei-sordi/), le ragazze della Nazionale Volley Sorde cantarono l’inno di Mameli in lingua dei segni, come è avvenuto a Samsun quando hanno raggiunto il podio conquistando l’argento alle Deaflympics 2017 (Inno in LIS alle Deaflympics 2017: https://www.youtube.com/watch?v=T0X-fM_6Sbo&feature=youtu.be). La stessa cosa è successa a Roma pochi giorni fa in occasione dell’inaugurazione del Centro sportivo paralimpico Tre Fontane, evento che si è aperto con l’inno di Mameli cantato nella lingua dei segni dalle Azzurre della Nazionale di pallavolo della Federazione Sportiva dei Sordi Italiana

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi