Redazione

La riserva occupa una conca intermorenica situata nella parte collinosa dell’anfiteatro morenico del Garda, e costituisce un ambiente antropico-naturale di estremo interesse, sia dal punto di vista paesaggistico, sia da quello storico-archeologico.
Il lago di Castellaro èuno degli ultimi rimasti nell’area collinare mantovana. Formatosi alla fine dell’ultima glaciazione, era originariamente molto più grande, riducendosi poi per cause naturali, ma anche per l’intervento dell’uomo: sulle sue rive, circondate da una zona torbosa, sorge un bosco di ontani.
Roverella e carpino nero si profilano invece sui versanti collinari. Ma la specie di maggior interesse di questa riserva è senza dubbio il «Fior di ragno», pregiata orchidea di dimensioni lillipuziane.
Tra le oltre cinquanta specie di uccelli nidificanti in quest’oasi mantovana troviamo negli ambienti umidi lo svasso maggiore, il martin pescatore, il pendolino e la cannaiola verdognola, mentre nei boschi e nei prati aridi di collina si possono osservare la ghiandaia, il pettirosso, il canapino e la cinciarella.
La riserva è frequentata inoltre da uccelli migratori, quali l’airone, il tarabusino e la garzetta. Attenzione, infine, a un raro anfibio endemico della pianura padana: la simpatica, vivacissima rana di lataste.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi