Caritas ambrosiana | 30 Aprile 2021

Nuovo sito rivolto alle donne vittime di violenza

Si può trovare materiale per conoscere e approfondire il tema. Sono presenti tutti i riferimenti per potersi mettere in contatto con le operatrici del Se.D. Un utile servizio anche per i centri di ascolto

Intervista | 05 Luglio 2020

Bressan: «Sentiamoci un popolo che aiuta tutti a ripartire»

Il Vicario episcopale analizza la fase di passaggio dall’emergenza sanitaria a quella economica e commenta i dati del Fondo San Giuseppe: «Abbiamo risposto all’emergenza, ora è tempo di costruire progetti. Nella ripresa Milano fatica più della provincia»

Caritas ambrosiana | 01 Maggio 2020

Il Fondo San Giuseppe vola sopra i 6 milioni di euro

Ha fatto breccia nel cuore degli ambrosiani il fondo intitolato al Santo patrono dei papà e degli operai e dedicato a chi ha perso il lavoro a causa del Covid 19. Luciano Gualzetti: «Un segno molto incoraggiante. Credo che si sia compreso che da questa crisi si uscirà solo insieme e volgendo lo sguardo a chi è rimasto indietro».

Caritas Ambrosiana | 24 Maggio 2019

EmPOWERment, ecco chi non riesce più a pagare le bollette

L’Identikit in una ricerca sui beneficiari del progetto: per lo più italiani, con la licenza media e un diploma, con un lavoro, ma redditi insufficienti. Gualzetti: «Non poter sostenere i costi delle utenze fa sentire poveri in modo drammatico, perché sconvolge la propria quotidianità»

Caritas Ambrosiana | 19 Dicembre 2018

In dieci anni 3.500 italiani in più nei Centri di ascolto

Pubblicato l'ultimo report “La povertà nella diocesi ambrosiana”. Gualzetti: «Sono i più anziani e deboli tra i nostri utenti. Per evitare il conflitto sociale no a slogan e a misure a effetto, ma una politica di contrasto alla povertà»

Aaster | 27 Novembre 2018

Centri di Ascolto, «generatori di comunità»

Presentati a Milano i dati della ricerca condotta da Aaster per le diocesi della Lombardia. Aldo Bonomi: «La sfida di un nuovo mutualismo parte dal compito di ricostruire un intelletto collettivo sociale, che parta dalla concretezza viva dei frammenti che restano sul campo, che superi il lungo inverno del rancore e soprattutto la solidarietà compassionevole e spettacolarizzata»