L'autore Angelo Scola riflette sulle connessioni con la politica e l'economia

libro “Buone ragioni per la vita in comune”

«Buone ragioni per la vita in comune. Religione, politica, economia» (Mondadori, 120 pagine, 17.50 euro) è il terzo volume di Angelo Scola che segnaliamo ai nostri lettori. In un contesto potenzialmente conflittuale come quello presente, è necessaria, da parte di tutti i soggetti della società civile, la disponibilità a un reciproco e comune riconoscimento, teso ad affermare l’importante valore sociale dell’"essere insieme". Il saggio del Cardinale si propone di rintracciare il filo che conduce a una condizione di stabile e autentica «amicizia civile». «Chi vuole essere l’uomo del terzo millennio?» si chiede Scola. L’interrogativo gli offre lo spunto per una riflessione sul ruolo delle religioni nella società di oggi, in rapporto soprattutto con la politica e l’economia. In un contesto plurale esse possono dare un apporto prezioso alla creazione di «pratiche virtuose» che pongano al centro dell’attenzione l’essere umano e il reciproco riconoscimento dei diversi soggetti sociali.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi