Un programma ricco e articolato


Redazione

Fuori abbonamento, Attenti a quei due – con Luca Barbarossa & Neri Marcorè – ha fatto da battistrada: preludio a una stagione teatrale che ha in cartellone otto titoli tra il 24 novembre e il 28 aprile 2010 e che rinnova per molti versi la scelta caratterizzante delle proposte campionesi. Lo ribadisce Cristina Ferrari, presidente dell’Azienda turistica dell’enclave, che nella stagione teatrale effettua il maggiore dei propri investimenti culturali. «Con l’obiettivo costante di non duplicare l’offerta dei teatri non solo di Como e di Lugano, ma anche di Milano – assicura Ferrari -, perseguiamo con assidua ricerca spettacoli la cui originalità non sia fine a se stessa e si rivolga invece a un pubblico diversificato garantendo comunque ai cultori del teatro una qualità che, possiamo dirlo senza tema di smentita, non viene mai meno».
“Passioni d’autore” non è solo il marchio della stagione teatrale campionese: «Infatti: va inteso come un preciso programma, nella cui diversità si ritrovano interpreti di grido e vere performances attoriali, un soffio di ricerca e un’autenticità cui il pubblico non si abitua mai, ogni volta sorpreso da un tema, un’idea, una suggestione».
La diversità degli spettacoli in cartellone non è certo frutto del caso: «Se proprio fossi costretta, potrei segnalare la costante della musica, ma non sempre in modo diretto all’interno della stagione che, non per caso, si è aperta con Luca Barbarossa, e Neri Marcorè. Un cantante e un cabarettista, in un amabile gioco delle parti, così come Giulio Scarpati e il pianista Bob Messini (martedì 24 novembre ) condivideranno il palcoscenico di Troppo buono, Nada ( giovedì 3 dicembre) lo occuperà con l’autobiografico Musicaromanzo, Roberto Abbiati e Leonardo Capuano, fratelli in Pasticceri, hanno la musica della radio come sottofondo di un mondo tutto racchiuso nel loro laboratorio( lunedì 14 dicembre), il vero soprano Katia Ricciarelli (martedì 26 gennaio) sfida da attrice la parte di Florence Foster Jenkins, che in Gloriosa! è la peggiore cantante del mondo».
Tutto questo senza esaurire il programma: «Proprio così: I 39 scalini, previsto per lunedì 11 gennaio 2010, è la versione teatrale di un celeberrimo thriller (nessuno ignora che Alfred Hitchcock fu il primo a trarne un film nel 1935), Hotel Paradiso (martedì 2 febbraio) porta a Campione d’Italia la compagnia berlinese Famiglie Floez per quella che viene considerata un’esperienza teatrale senza confronti di poesia, L’ebreo (martedì 13 aprile) di Gianni Clementi vanta l’interpretazione di Ornella Muti in un dramma senza più tempo, mentre La notte poco prima della foresta (mercoledì 28 aprile) è una messinscena visionaria: credo che il composito corpo della nostra stagione, la terza di “Passioni d’autore”, sviluppi ulteriormente un progetto che vuole porre lo spettatore al centro della scena».
Cristina Ferrari è fiera di un paio di appendici della stagione maggiore: «Tra Natale e l’Epifania un paio di spettacoli, in tono con la ricorrenza, sono riservati gratuitamente ai più piccoli, e altri quattro sono destinati nell’arco della stagione alle famiglie, con prezzo del biglietto ridottissimo per gli spettatori sotto i 12 anni d’età; ma l’educazione teatrale si rivolge anche alle scuole, elementari e medie, uno spettacolo selezionato con cura per ciascun grado. Gli uffici dell’Azienda turistica di Campione d’Italia aspettano solo le prenotazioni».
Info e prenotazioni: tel. 0041.91.6495051 Fuori abbonamento, Attenti a quei due – con Luca Barbarossa & Neri Marcorè – ha fatto da battistrada: preludio a una stagione teatrale che ha in cartellone otto titoli tra il 24 novembre e il 28 aprile 2010 e che rinnova per molti versi la scelta caratterizzante delle proposte campionesi. Lo ribadisce Cristina Ferrari, presidente dell’Azienda turistica dell’enclave, che nella stagione teatrale effettua il maggiore dei propri investimenti culturali. «Con l’obiettivo costante di non duplicare l’offerta dei teatri non solo di Como e di Lugano, ma anche di Milano – assicura Ferrari -, perseguiamo con assidua ricerca spettacoli la cui originalità non sia fine a se stessa e si rivolga invece a un pubblico diversificato garantendo comunque ai cultori del teatro una qualità che, possiamo dirlo senza tema di smentita, non viene mai meno».“Passioni d’autore” non è solo il marchio della stagione teatrale campionese: «Infatti: va inteso come un preciso programma, nella cui diversità si ritrovano interpreti di grido e vere performances attoriali, un soffio di ricerca e un’autenticità cui il pubblico non si abitua mai, ogni volta sorpreso da un tema, un’idea, una suggestione».La diversità degli spettacoli in cartellone non è certo frutto del caso: «Se proprio fossi costretta, potrei segnalare la costante della musica, ma non sempre in modo diretto all’interno della stagione che, non per caso, si è aperta con Luca Barbarossa, e Neri Marcorè. Un cantante e un cabarettista, in un amabile gioco delle parti, così come Giulio Scarpati e il pianista Bob Messini (martedì 24 novembre ) condivideranno il palcoscenico di Troppo buono, Nada ( giovedì 3 dicembre) lo occuperà con l’autobiografico Musicaromanzo, Roberto Abbiati e Leonardo Capuano, fratelli in Pasticceri, hanno la musica della radio come sottofondo di un mondo tutto racchiuso nel loro laboratorio( lunedì 14 dicembre), il vero soprano Katia Ricciarelli (martedì 26 gennaio) sfida da attrice la parte di Florence Foster Jenkins, che in Gloriosa! è la peggiore cantante del mondo».Tutto questo senza esaurire il programma: «Proprio così: I 39 scalini, previsto per lunedì 11 gennaio 2010, è la versione teatrale di un celeberrimo thriller (nessuno ignora che Alfred Hitchcock fu il primo a trarne un film nel 1935), Hotel Paradiso (martedì 2 febbraio) porta a Campione d’Italia la compagnia berlinese Famiglie Floez per quella che viene considerata un’esperienza teatrale senza confronti di poesia, L’ebreo (martedì 13 aprile) di Gianni Clementi vanta l’interpretazione di Ornella Muti in un dramma senza più tempo, mentre La notte poco prima della foresta (mercoledì 28 aprile) è una messinscena visionaria: credo che il composito corpo della nostra stagione, la terza di “Passioni d’autore”, sviluppi ulteriormente un progetto che vuole porre lo spettatore al centro della scena».Cristina Ferrari è fiera di un paio di appendici della stagione maggiore: «Tra Natale e l’Epifania un paio di spettacoli, in tono con la ricorrenza, sono riservati gratuitamente ai più piccoli, e altri quattro sono destinati nell’arco della stagione alle famiglie, con prezzo del biglietto ridottissimo per gli spettatori sotto i 12 anni d’età; ma l’educazione teatrale si rivolge anche alle scuole, elementari e medie, uno spettacolo selezionato con cura per ciascun grado. Gli uffici dell’Azienda turistica di Campione d’Italia aspettano solo le prenotazioni».Info e prenotazioni: tel. 0041.91.6495051 Scarpati “troppo buono” – Reduce dal grande successo della fiction tv Un medico in famiglia, Giulio Scarpati è il protagonista del secondo appuntamento della stagione “Passioni d’autore”, martedì 24 novembre all’Auditorium Mons. Baraggia, con Troppo buono per la regia di Nora Venturini.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi