Per la Giornata internazionale un dialogo tra Ingrid Bianchetti, direttrice della comunità mamma-bambino Casa Carla, e Gaia Romani, presidente della Commissione delle Politiche Sociali del Municipio 8

violenza-donne

Due donne che parlano di violenza contro le donne a altre donne. È un dialogo a più voci quello che propone Fondazione Arché per il 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. A partire dalle 15, Ingrid Bianchetti, direttrice della comunità mamma-bambino Casa Carla, si confronterà con Gaia Romani, consigliera del Municipio 8 di Milano. L’incontro, a cui parteciperanno alcune delle mamme ospiti delle comunità di Fondazione Arché, si svolgerà presso i suoi uffici di Quarto Oggiaro e sarà trasmessa sulle sue pagine social.

Durante il dialogo, Ingrid Bianchetti partirà dal racconto delle esperienze di vita delle donne con cui è entrata in contatto in questi anni di lavoro presso le comunità di Arché. Saranno le loro storie a dare concretezza e senso alla ricorrenza del 25 novembre.  A fare sintesi delle contromisure adottate a livello locale e nazionale e delle proposte della politica sul tema della violenza di genere, invece, ci penserà Gaia Romani, presidente della Commissione delle Politiche Sociali del Municipio 8.

A chiudere ci saranno le domande del pubblico.

«Purtroppo dobbiamo ancora e ancora parlare di violenza sulle donne anche in questo contesto di pandemia perché gli episodi sono aumentati proprio in questo periodo. È un tema su cui come attori di questa società dobbiamo continuare a lavorare per incidere sui processi culturali e sociali – dice padre Giuseppe Bettoni, presidente di Fondazione Arché, convinto dell’importanza di mettere a confronto un’operatrice del settore e un’amministratrice -. L’esperienza maturata sul campo in tutti questi anni di servizio, in prima linea nel dare supporto alle donne in difficoltà, ci interroga e ci provoca nel cercare il punto di partenza da cui la politica può attingere per offrire delle soluzioni durature a un fenomeno che non cessa di diminuire».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi