In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, Fondazione Arché propone l’opera di Monica Bonomi a cui seguirà un momento di confronto tra p. Giuseppe Bettoni, presidente di Arché, e la consigliera comunale Diana De Marchi

Monica-Bonomi

«Non serve parlare di violenza, serve parlare di amore», dice l’attrice Monica Bonomi che, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, metterà in scena per Fondazione Arché il suo spettacolo teatrale “T’amerò per l’eternità e un giorno”.
Sul palcoscenico del teatro Out Off dalle 21:30 di sabato 23 novembre, sarà lei a raccontare il suo “piccolo viaggio nei sentimenti più diversi e disparati, che partono dalla paura e si tuffano con coraggio nell’ idealismo platonico, tra le viscere del desiderio, fino ad attraversare malinconie quotidiane”.

Accompagnata dalla musica, l’attrice leggerà una serie di testi dei grandi della letteratura mondiale che andranno a comporre dei riquadri sui differenti pianeti della femminilità. Da William Shakespeare a Ernst Toller, passando per Guido Gozzano, saranno i versi degli autori a esaltare le donne e il sentimento amoroso.

Alla fine l’onda delle emozioni lascerà spazio alle riflessioni per un momento di confronto tra il presidente di Fondazione Arché, p. Giuseppe Bettoni, e la consigliera comunale Diana De Marchi che presiede la Commissione Pari opportunità e diritti civili del Comune di Milano.
«Per sconfiggere e abbattere nel cuore degli uomini l’idea ancora radicata della donna come oggetto da possedere, o come soggetto debole e inferiore, occorre sì l’impegno delle istituzioni, ma anche quello dell’arte e della cultura, con i loro diversi linguaggi», spiega la consigliera, convinta che «il teatro, grazie alla sua immediatezza, alla fisicità della rappresentazione, è senz’altro un mezzo efficacissimo per parlare dell’amore, ma anche della violenza, della sopraffazione, di tutto ciò cui dobbiamo opporci per affermare la libertà e dignità di tutti gli esseri umani».

Lo spettacolo teatrale “T’amerò per l’eternità e un giorno” affronta da una prospettiva originale un tema con cui Fondazione Arché ha a che fare quotidianamente, accogliendo nelle sue comunità anche donne vittime di violenza. Gli operatori lavorano con loro in modo che il trauma possa essere superato e che le mamme possano continuare la loro missione educativa.
“Con questa proposta culturale, Fondazione Arché si impegna per tenere viva e alta l’attenzione su un tema così delicato e importante per la nostra società come la violenza contro le donne con l’obbiettivo di promuovere una cultura fondata sul rispetto dell’altro”, sottolinea p. Giuseppe Bettoni.

I biglietti sono prenotabili chiamando il teatro Out Off, situato in via Mac Mahon 16, allo 02 34532140.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi