Alla Conferenza organizzativa e programmatica, in programma dall'8 al 10 aprile alla Cattolica, si presenta il "Piano 2010-2013 contro la povertà assoluta". Sabato pomeriggio l'intervento dell'Arcivescovo


Redazione

Si svolgerà dall’8 al 10 aprile a Milano, all’Università Cattolica del Sacro Cuore, la Conferenza organizzativa e programmatica delle Acli. L’appuntamento, che ricorre ogni quattro anni come momento di verifica sull’operato associativo e di programmazione per il futuro, si colloca in una fase particolarmente delicata per il Paese, all’indomani di una tornata elettorale importante, ma nel pieno ancora di una crisi economica che sta segnando lacerazioni allarmanti nel tessuto sociale.
Le Acli presenteranno la loro proposta per un “Piano 2010-2013 contro la povertà assoluta”. Per il presidente Andrea Olivero, «l’ultimo anno e mezzo vissuto accanto alle diocesi italiane, a partire da quella di Milano, a stretto contatto con i problemi dei cittadini, delle famiglie e degli immigrati, hanno contribuito a ridisegnare il volto delle Acli, mettendo sempre di più la lotta alla povertà al centro della azione e dell’identità associativa».
“Sentinelle del territorio, costruttori di solidarietà” è il titolo e la traccia di riflessione della Conferenza di Milano, cui parteciperanno 800 tra delegati e dirigenti provenienti da tutta Italia e in rappresentanza delle Acli all’estero. Oggetto del dibattito interno la riforma del modello organizzativo per rafforzare la presenza dei territori; l’integrazione dei servizi con le attività associative; il ruolo prioritario della formazione per la crescita degli aclisti sul piano dei valori e delle competenze.
I lavori si apriranno la mattina di giovedì 8 aprile, alle 11, nell’aula magna della Università cattolica (largo Gemelli 1) con l’introduzione del presidente delle Acli e i saluti del rettore Lorenzo Ornaghi. Sui temi della Conferenza interverranno il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, Mariolina Moioli, assessore alla Famiglia, scuola e politiche sociali del Comune di Milano, e Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari.
Venerdì i lavori della Conferenza proseguiranno con la presentazione della proposta elaborata dalle Acli, in collaborazione con un gruppo di ricercatori coordinati da Cristiano Gori, docente di politiche sociali alla Cattolica di Milano.
Sabato pomeriggio, infine, appuntamento conclusivo dalle 15 al Teatro Dal Verme, in via San Giovanni sul Muro 2. Tavola rotonda sul tema del contrasto alla povertà in chiave italiana ed europea. Con il sindaco di Milano Letizia Moratti; il presidente del Comitato economico e sociale europeo (Cese) Mario Sepi; il portavoce della Comunità di Sant’Egidio Mario Marazziti. Modera il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. Intervento conclusivo dell’arcivescovo di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi. Si svolgerà dall’8 al 10 aprile a Milano, all’Università Cattolica del Sacro Cuore, la Conferenza organizzativa e programmatica delle Acli. L’appuntamento, che ricorre ogni quattro anni come momento di verifica sull’operato associativo e di programmazione per il futuro, si colloca in una fase particolarmente delicata per il Paese, all’indomani di una tornata elettorale importante, ma nel pieno ancora di una crisi economica che sta segnando lacerazioni allarmanti nel tessuto sociale.Le Acli presenteranno la loro proposta per un “Piano 2010-2013 contro la povertà assoluta”. Per il presidente Andrea Olivero, «l’ultimo anno e mezzo vissuto accanto alle diocesi italiane, a partire da quella di Milano, a stretto contatto con i problemi dei cittadini, delle famiglie e degli immigrati, hanno contribuito a ridisegnare il volto delle Acli, mettendo sempre di più la lotta alla povertà al centro della azione e dell’identità associativa».“Sentinelle del territorio, costruttori di solidarietà” è il titolo e la traccia di riflessione della Conferenza di Milano, cui parteciperanno 800 tra delegati e dirigenti provenienti da tutta Italia e in rappresentanza delle Acli all’estero. Oggetto del dibattito interno la riforma del modello organizzativo per rafforzare la presenza dei territori; l’integrazione dei servizi con le attività associative; il ruolo prioritario della formazione per la crescita degli aclisti sul piano dei valori e delle competenze.I lavori si apriranno la mattina di giovedì 8 aprile, alle 11, nell’aula magna della Università cattolica (largo Gemelli 1) con l’introduzione del presidente delle Acli e i saluti del rettore Lorenzo Ornaghi. Sui temi della Conferenza interverranno il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, Mariolina Moioli, assessore alla Famiglia, scuola e politiche sociali del Comune di Milano, e Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari.Venerdì i lavori della Conferenza proseguiranno con la presentazione della proposta elaborata dalle Acli, in collaborazione con un gruppo di ricercatori coordinati da Cristiano Gori, docente di politiche sociali alla Cattolica di Milano.Sabato pomeriggio, infine, appuntamento conclusivo dalle 15 al Teatro Dal Verme, in via San Giovanni sul Muro 2. Tavola rotonda sul tema del contrasto alla povertà in chiave italiana ed europea. Con il sindaco di Milano Letizia Moratti; il presidente del Comitato economico e sociale europeo (Cese) Mario Sepi; il portavoce della Comunità di Sant’Egidio Mario Marazziti. Modera il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. Intervento conclusivo dell’arcivescovo di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi. Immigrazione e convivenza nelle città – L’immigrazione e la convivenza nelle città. Se ne parlerà mercoledì 7 aprile a Milano, alle 17.30, presso la sede provinciale delle Acli in via della Signora 3, Auditorium Clerici, in un convegno nazionale promosso dalle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani. “Nuovi cittadini e nuove città. Immigrazione e interculturalità in un Paese che cambia”: questo il titolo dell’incontro cui parteciperanno, tra gli altri la portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati Laura Boldrini; l’assessore alla Famiglia, la scuola e le politiche sociali del Comune di Milano Mariolina Moioli; il direttore delle Caritas ambrosiana don Roberto Davanzo e il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi