L'odissea di una coppia, in procinto di sposarsi, per trovare casa a Milano


Redazione

30/01/2008

di Filippo MAGNI

Quando l’amore non basta. Ecco il diario “dell’impresa” di una nuova coppia: comprare casa.

12 gennaio. Stasera chiedo a Marta di sposarmi. Siamo fidanzati da cinque anni, io lavoro da quattro, lei ha finito l’università da poco e ha trovato un posto che le piace. A tempo determinato, d’accordo, ma le prospettive sembrano buone.

13 gennaio. Ha detto sì. Nell’entusiasmo del momento abbiamo iniziato a fare progetti: ci sposeremo il 30 agosto dell’anno prossimo.

2 marzo. Abbiamo prenotato il ristorante, iniziato il corso fidanzati, stilato la lista degli invitati. I siti internet garantiscono che a Milano ci sono migliaia di appartamenti in vendita, non sarà difficile trovare.

4 aprile. Mi correggo: trovarlo non è difficile, è impossibile, almeno a Milano. Da un mese giro per agenzie: un trilocale di 70 metri quadrati sfiora i 300 mila euro. Cerchiamo fuori città.

4 ottobre. È fatta: una casa in costruzione a Cernusco, c’è la fermata del metrò ed è vicino a Milano. I genitori hanno iniziato a lamentarsi: «Vi allontanate troppo». Penso a quando avremo bambini e loro, a causa della distanza, non potranno aiutarci. Senza traffico ho calcolato che li raggiungerò in 20 minuti.

20 settembre. 200 mila euro: è il costo della casa. E io in banca ne ho 50 mila. C’è poi da aggiungere la provvigione dell’agenzia, il costo del notaio, gli allacciamenti vari. Due cuori e una capanna? L’amore c’è, ma la capanna ha muri d’oro per costare così tanto?

29 settembre. Sono stato in banca: verso i 50 mila euro per iniziare a pagare la casa, accendo un mutuo per i restanti 150 mila e dò alla banca 900 euro al mese. Per quanto tempo? 30 anni, fino all’età della pensione.

19 ottobre. Abbiamo promesso all’agenzia che compreremo la casa, una volta finita. A garanzia, abbiamo versato 15 mila euro. Dovrebbero consegnarcela a dicembre.

21 novembre. La consegna è prorogata alla primavera.

29 agosto. Domani saremo una famiglia, nella nostra casa su cui pende un’ipoteca non eterna come la nostra unione, ma quasi. Il conto in banca è svuotato, si parte da zero. C’è da tirare la cinghia. Per i prossimi 30 anni.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi