Link: https://www.chiesadimilano.it/news/milano-lombardia/mercato-edilizio-cosi-antonio-perdera-la-casa-2503330.html
Share

Milano

Mercato edilizio, così Antonio perderà la casa

Inquilino di un appartamento in zona San Siro, il 7 luglio sarà sfrattato dalla società proprietaria dell’immobile. Un caso emblematico seguito dal Sicet

di Lorenzo GARBARINO

6 Luglio 2023
Foto di Sean Benesh su Unsplash

In una situazione satura di domanda e scarsa di offerta immobiliare come quella di Milano, la logica di mercato provoca conseguenze pesanti per le famiglie coinvolte.

La vicenda

Una trama che già l’arcivescovo Delpini ha denunciato nel suo ultimo Discorso alla Città (vai allo speciale), e che si replica oggi anche in zona San Siro. Venerdì 7 luglio, infatti, sarà effettuato lo sfratto di Antonio che, con la sua famiglia, da quasi otto anni vive in un immobile a pochi passi dallo Stadio Meazza. Ne parla Giacomo Manfredi, responsabile del Sicet Milano (il Sindacato Inquilini Casa e Territorio della Cisl) per la zona di San Siro: «Si tratta di uno sfratto per finita locazione. L’appartamento è di una società immobiliare che ha deciso di vendere a terzi. Questo è un caso un po’ atipico rispetto a molti altri, dato che gli inquilini hanno sempre pagato quanto pattuito. Si è arrivati a questa situazione per il decadere dei termini contrattuali, voluto dai proprietari».

La vicenda ha avuto inizio nell’aprile 2022, quando la famiglia di Antonio, non trovando alternative sul mercato, è rimasta nell’abitazione. La pratica di sfratto si è così innescata nel successivo settembre e si concluderà il 7 luglio. «Contestualmente a questa vicenda, Antonio ha perso il proprio lavoro da operaio – prosegue Manfredi -. Condizione che non gli permette di cercare una alternativa abitativa per la famiglia. La moglie lavora come colf e non guadagna più di circa mille euro al mese».

Il silenzio del Comune

Lo sfratto è reso ancora più duro dall’assenza di risposte dal Comune. Nello scorso aprile la famiglia aveva aperto la pratica d’istanza di Servizio Abitativo Transitorio. Quando si è in difficoltà economica e di precarietà abitativa, ogni cittadino può richiedere infatti un’abitazione del servizio abitativo pubblico del Comune per un periodo di tempo provvisorio. Il servizio però, come spiega Manfredi, non ha ancora dato una risposta: «Al momento ci sono soltanto 150 alloggi disponibili per i Sat in tutta la città, e i tempi di attesa medi sono di 12 mesi, questo significa che paradossalmente Antonio potrebbe ricevere una risposta nell’aprile del 2024».

La storia di Antonio non è molto diversa da chi alloggia dall’altra parte della strada. Come segnala Manfredi, l’immobile appartiene a una società che ha intenzione di mettere (legittimamente) sul mercato gli appartamenti, che nel circondario hanno una valutazione media di 250/300 mila euro. «Anche in questo caso sto seguendo la vicenda – racconta Manfredi -, e penso che la società stia effettuando una mera operazione speculativa. Nel palazzo vivono ancora una quindicina di famiglie, che avranno tutte anche loro lo sfratto per finita locazione, perché i contratti stanno scadendo in queste settimane».

Leggi anche

Caritas ambrosiana
povertà

Donne, minori, immigrati, occupati: così le povertà cambiano volto

Presentato il Rapporto con i dati del 2022 di 140 strutture che hanno aiutato oltre 30 mila persone: l’area del disagio non si ritrae e i redditi faticano sempre più a far fronte alle esigenze quotidiane

Società
foto cherchi19

Milano bella senz’anima

Il caro-case mette in fuga ceto medio, giovani e famiglie, “cuore vivo” della città. Esito anche di scelte urbanistiche che privilegiano i grandi investitori immobiliari. Ne parla «Il Segno» di maggio, videointervista alla studentessa “accampata” davanti al Politecnico

Milano
case popolari

Casa: la città deve accogliere gli esclusi

Un Convegno Caritas ha affrontato la questione dell'abitare Rom. Un tema che può sembrare marginale, appannaggio solo del terzo settore, ma che invece è strettamente connesso con l'emergenza abitativa che tocca anche il ceto medio

di Claudio URBANO

Casa
Giambellino

L’emergenza abitativa delle case popolari di Milano

Il profilo di chi alloggia nell'edilizia pubblica è cambiato negli anni: sempre meno persone sono in grado di sostenersi autonomamente. La nostra indagine prosegue con la testimonianza di don Ambrogio Basilico

di Lorenzo Garbarino

Testimonianze
Casa

Sapessi com’è strano trovare casa in affitto a Milano

La nostra indagine sull'emergenza abitativa in città prosegue dando voce a chi ha dovuto districarsi tra annunci illusori, condizioni improbabili e richieste irricevibili

di Lorenzo Garbarino

Trasformazioni
Milano

Milano, una città che respinge il ceto medio

Questa una delle conseguenze del mutamento sociale ed economico in atto nel capoluogo lombardo, sempre più “polarizzato” tra ricchi e poveri. La nostra indagine prosegue con l'analisi della sociologa Cristina Pasqualini

di Lorenzo Garbarino

Casa
Milano

Milano, perché affittare costa tanto

Da alcuni anni gli appartamenti in affitto dell'area metropolitana hanno raggiunto prezzi elevati, costringendo le persone anche a cambiare città. L'analisi dell'architetto Gabriele Rabaiotti

di Lorenzo Garbarino