Quella milanese si svolgerà al Centro sportivo “Froghello”, organizzata dal Comitato provinciale del Csi

Gazzetta Cup

Si apriranno domenica 17 aprile a Milano le Fasi Cittadine di “ Gazzetta Cup 2016 con Ringo”, il più grande torneo di calcio d’Italia per ragazzi dai 9 ai 12 anni, realizzato da La Gazzetta dello Sport in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano. La Fase Cittadina di Milano si svolgerà al Centro Sportivo “Froghello” (in via T.Noce 5), organizzata dal Comitato CSI Milano, 

Alle Fasi Interne sono state coinvolte squadre di tutta la Lombardia e domenica si sfideranno le migliori 16 delle due categorie previste dal Torneo, ovvero “Junior” (nati nel 2006-2007) con squadre a 5 giocatori, e “Young” (nati nel 2004-2005) con squadre a 7 giocatori.

Il Torneo si articola in tre Fasi: Interne , Cittadine (12 in tutto) e Finale Nazionale , in programma il 24 maggio allo Stadio Olimpico di Roma. Le Fasi Interne hanno visto coinvolti 43 mila ragazzi, cifra record per questa manifestazione, arrivata all’ottava edizione e sempre in crescita.

La Gazzetta dello Sport e Ringo formano una combinazione ideale, fatta di gioco, divertimento e professionalità. Due brand che credono fortemente nei giovani e nei valori positivi dello sport e che hanno deciso di intraprendere questo percorso al fianco del Centro Sportivo Italiano, ente di promozione sportiva che sui giovani e sui valori positivi dello sport ha costruito la propria filosofia. Quest’anno è entrato in squadra, come partner tecnico, anche Kappa: l’azienda torinese infatti fornirà abbigliamento e attrezzature sportive alle squadre iscritte e allo staff Csi delle 12 Fasi Cittadine e della Finale Nazionale.

Confermati, per ognuna delle Fasi Cittadine e per la Finale Nazionale, i premi Ringo, per entrambe le categorie: Ringo premierà il Migliore in campo, valutando sia la performance tecnica, sia il comportamento in campo. Ringo inoltre svilupperà un percorso più ricco sia in termini d’intrattenimento (attraverso le attività “Ringo Quick Feet” e calciobalilla umano), sia di avvicinamento al Fair Play, coinvolgendo tutti i ragazzi del progetto in attività ludiche ed educational, tra cui un riconoscimento agli atleti che si distingueranno per il comportamento più fair.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi