Sirio 20 -25 maggio 2024
Share

FederVita

È morto Franco Vitale, padre del Movimento per la Vita

L'avvocato e storico presidente di FederVita Lombardia si è spento alla vigilia dei 90 anni. Fu tra i promotori di una legge regionale sulla famiglia

5 Giugno 2023
L'avvocato Franco Vitale nel corso di una premiazione

Domenica 4 giugno è deceduto Franco Vitale, avvocato e storico presidente di FederVita Lombardia dal 1997 al 2009.

Nato nel 1933, era stato membro del Consiglio Direttivo del Movimento per la Vita Italiano. Fondatore e responsabile del Laboratorio Giuridico di FederVita Lombardia, è stato uno dei protagonisti della cultura per la vita. «Il ricordo di Franco – scrive Natalia Marrese, presidente del Cav di Busto Arsizio – rimarrà inciso nel mio cuore. Gli sono tanto grata per gli insegnamenti e la forza che mi ha trasmesso in difesa della Vita. Ha creduto i me e in tutti i giovani che ha incontrato sulla sua strada».

Sotto la presidenza di Vitale sono nate le “Due giorni giovani” di FederVita Lombardia, gli Aperivita, il Movit (il movimento per la vita universitario) oltre a convegni e congressi internazionali. 

Vitale è sempre stato accompagnato nelle sue attività dalla moglie Erica Palazzi, per anni direttrice di Progetto Gemma, vice presidente del Movimento per la Vita Italiano e membro del Consiglio Direttivo di FederVita Lombardia.

«Il pensiero e l’azione della FederVita Lombardia – ha scritto Vitale nel 2009 – si sono ispirati a due principi: tutela del concepito, il cui diritto alla vita si iscrive tra quei diritti che appartengono all’essenza dei valori supremi sui quali si fonda la Costituzione Italiana; centralità nella società e nell’ordinamento giuridico del diritto alla vita, bene indisponibile».

Si deve a Vitale, attraverso una memoria del 6 ottobre 1999, l’introduzione nell’articolo 1 della legge regionale “Politiche Regionali per la Famiglia” del 6 dicembre 1999 n° 23, il riconoscimento della soggettività del concepito come persona che fa parte della famiglia. Si tratta della prima norma in Italia che la riconosce, sia pure per l’ambito territoriale della Lombardia.

Sempre sotto alla presidenza Vitale, nel 2000 FederVita Lombardia e le sue associazioni hanno ottenuto l’accreditamento in Regione Lombardia, venendo iscritte nel registro della Associazioni Familiari.

Nel 2000 Vitale aveva fondato il Laboratorio Giuridico di FederVita Lombardia, di cui ancora oggi era referente, insieme a Marco Ferraresi.

Franco Vitale ha scritto numerosi articoli scientifici e divulgativi sui temi del biodiritto, molti dei quali pubblicati su Si alla Vita, organo di stampa del MpV Italiano.

«Devo a Franco in particolare, e ad Erica – ha affermato Elisabetta Pittino, presidente di FederVita Lombardia – il mio essere nella Federazione e nel MpV. Il loro affetto, la loro vicinanza, il loro starmi accanto mi hanno insegnato tanto. Franco ha reso bello il volontariato in Federazione e nel Movimento. Ogni volta mi stupisco del fatto che tanti anni fa abbia avuto fiducia in me. Il mio esempio come presidente è e rimane Franco. Sono infinitamente grata per avere conosciuto Franco ed Erica. Sono stati dei tesori preziosi».

Con queste parole Vitale si era dimesso dalla presidenza di FederVita nel 2009. «Il mio compito è finito. Ho voluto con voi amici richiamare la nostra storia, perché il nostro Consiglio Direttivo e lo stesso Movimento Nazionale sappiano agire con discernimento per riaffermare l’antropologia cristiana che ha ispirato i valori costituzionali dei diritti inviolabili fondati sul diritto alla vita di ogni essere umano dal concepimento alla morte naturale. Ringrazio tutti i membri dell’attuale Consiglio Direttivo, voi tutti amici carissimi che lavorate nel più duro e difficile volontariato, ma ricevete gioia dal sorriso del bimbo paffutello, ora visibile anche nel seno della madre. Molte cose e tante vi sarebbero da dire, ma queste sono state scritte perché crediate, ed agiate per la vita».

I funerali si svolgeranno martedì 6 giugno alle 15.30, nella chiesa di San Giorgio al Parco in via Regina Margherita 2, a San Giorgio.