L’attore e presentatore aderisce all’iniziativa ideata in occasione del 60° anniversario di OSF e si impegna al Servizio Docce e Guardaroba

Enrico Bertolino
Enrico Bertolino

Opera San Francesco annovera un nuovo entusiasta volontario al suo Servizio Docce e Guardaroba: è la volta di Enrico Bertolino, comico, attore e presentatore che ha dato la sua disponibilità a trascorrere una mattinata nella realtà di Osf accettando di partecipare all’iniziativa “Volontario all’Opera per un giorno”. Un progetto che per tutto il 2019 permetterà a volti noti di venire a contatto concretamente con la realtà di accoglienza e aiuto gratuiti che da 60 anni a Milano costituisce un punto di riferimento per i poveri.

Bertolino ha conosciuto tutti i suoi colleghi di turno, indossato come loro il grembiule verde dei volontari del servizio di Osf, il badge, e ha svolto le mansioni che gli sono state assegnate, aiutando concretamente ospiti italiani e stranieri, che come ogni giorno frequentano numerosi le Docce e il Guardaroba di Opera San Francesco. Ha registrato gli accessi nel sistema informatico, consegnato agli ospiti il kit di biancheria pulita per la doccia, proposto gli indumenti a chi aveva bisogno di un cambio d’abito. Terminato il servizio si è poi recato a visitare la Mensa di corso Concordia dove ogni giorno mangiano quasi 2.500 persone.

Al termine del turno Bertolino ha elogiato l’organizzazione di Osf e l’impegno senza sosta dei volontari: «Opera San Francesco è arricchente per i volontari che prestano servizio qui e necessaria per gli utenti, ma anche per tutta la città di Milano. Per questo dobbiamo sostenerla».

L’esperienza alle Docce e Guardaroba di Bertolino consolida il nuovo progetto di Osf “Volontario all’Opera per un giorno” ideato per celebrare in modo concreto l’anniversario di OSF: il 20 dicembre 1959 Fra Cecilio – portinaio del convento di viale Piave – inaugurava la Mensa dei Poveri di corso Concordia, primo servizio al quale negli anni sono susseguiti molti altri, allo scopo di dare un sostegno concreto a chi soffre. Da allora infatti, uomini, donne e famiglie, italiani e stranieri, possono contare su due Mense – a quella storica si è aggiunta la più recente in piazzale Velasquez -, un Servizio Docce e Guardaroba che permette loro di lavarsi e avere degli abiti puliti, il Poliambulatorio grazie al quale ricevono cure mediche e medicinali gratuitamente, l’Area Sociale che offre supporto per la ricerca di lavoro, guida e assiste gli utenti che intendono riprendere in mano la propria vita professionale, sociale o hanno necessità di una sistemazione abitativa attraverso il Progetto Housing First e Housing Sociale. Senza dimenticare il Centro Raccolta dove i cittadini possono consegnare le loro donazioni di indumenti o medicinali che andranno a beneficio dei poveri. Tutto questo è da sempre reso possibile grazie a un grande numero di volontari, che hanno deciso di impegnarsi concretamente in favore del prossimo meno fortunato. Quasi 1000 cittadini – 200 dei quali medici – che permettono ogni giorno il perfetto svolgimento di tutte le attività di aiuto di Opera San Francesco.

Padre Maurizio Annoni, presidente di Opera San Francesco, in merito all’iniziativa aggiunge: «I 60 anni di Osf sono un momento importante per noi, non per celebrarci, ma per aprire sempre di più le nostre porte al pubblico, ai cittadini, e non solo agli utenti. Credo che il nostro quotidiano impegno a sostegno dei poveri abbia ancor più valore se condiviso, per questo saremo lieti durante tutto il 2019 di confrontarci e farci conoscere attraverso iniziative ed eventi come “Volontario all’Opera per un giorno”».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi