In «Incontro al Natale» il teologo Armando Matteo si rivolge ai «festeggianti non praticanti» proponendo di provare a ricucire il momento della festa con la fede

Imago_Mundi_87143-755x491

Incontro al Natale. Un invito a credere di nuovo è il nuovo volume di Armando Matteo, teologo, dal 2005 al 2011 assistente ecclesiastico nazionale della Fuci e autore di numerosi saggi. Edito da Àncora (104 pagine, 12 euro) è «un libro per tornare a vivere il Natale unendo la gioia della festa alla fede in Gesù che nasce».

Aumentano sempre più coloro che festeggiano il Natale senza la fede nel Natale stesso, inteso come presenza salvifica di Dio nella storia umana: quelli che l’autore definisce «festeggianti non praticanti», che fanno festa senza Gesù. Tra i credenti, invece, sempre più spesso pare di constatare un atteggiamento serioso, una fede senza gioia, perfino nel giorno di Natale, come a presentare un Gesù senza festa.

L’autore si rivolge ai «festeggianti non praticanti» proponendo di provare a ricucire il momento della festa con la fede, di cercare di vivere l’attesa del Natale come un invito a credere di nuovo; ai «festeggianti praticanti» perché tornino a credere in modo nuovo, integrando quella dimensione della festa che è originaria della rivelazione evangelica. L’autore rilegge quei passi evangelici che mostrano che Gesù è venuto tra noi e si è fatto bambino per annunciare che quello di Dio è un volto incoraggiante.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi