La riflessione dell’assemblea, che si è riunita il 23 luglio scorso a Lonigo, ha avuto come icona unificante la pagina evangelica dei discepoli di Emmaus: quel “partirono senza indugio” che segna l’esito del loro incontro con il Risorto. Eletta la nuova Direzione generale: padre Ricardo Pinilla Collantes è stato confermato superiore generale per i prossimi sei anni.

Venerdì 23 luglio, con la solenne celebrazione dell’Eucaristia, presieduta da p. Ricardo Pinilla, Superiore generale appena rieletto, si è concluso il 40° Capitolo generale dei Figli di Maria Immacolata – Pavoniani.

Celebrato a Lonigo (Vicenza), nella Villa san Fermo di proprietà della stessa Congregazione, ha visto riuniti 24 religiosi, 22 in presenza e 2, non potendo uscire dal Brasile a causa del covid 19, in collegamento dalla loro residenza. Per dare voce a tutte le zone geografiche in cui è presente la Congregazione e anche ai numerosi laici che in vario modo fanno parte della Famiglia pavoniana, erano stati invitati ai lavori anche 2 religiosi e 6 laici.

La riflessione dell’assemblea ha avuto come icona unificante la pagina evangelica dei discepoli di Emmaus e più precisamente quel “partirono senza indugio” che segna l’esito del loro incontro con il Risorto. Una volontà di ripartenza ben delineata dalle parole a commento dell’affermazione principale: “Infiammati di amor di Dio, riscopriamo la gioia di camminare insieme ai giovani, diletta vigna del Signore”. In corsivo le citazioni prese dagli scritti del Fondatore, san Lodovico Pavoni (1784-1849), a riproporre il “non ardeva forse in noi il nostro cuore…” del vangelo di Luca (cf Lc 24, 32) e lo sguardo d’amore con cui il profeta Isaia (cf Is 5) racconta la cura di Dio per la sua “vigna”, il popolo che egli guida e che Padre Pavoni identifica con i giovani. Al centro le parole che delineano la missione educativa pavoniana come un “camminare insieme” con i giovani, vissuto con gioia. Più volte, infatti, è stato ribadito che l’educatore pavoniano, religioso o laico, non è chiamato solo a fare qualcosa per i giovani, ma soprattutto a stare con loro, per accompagnarli nel cammino e testimoniare la bellezza di aver incontrato il Signore, risorto e vivo.

Quattro le priorità su cui si è incentrato il discernimento capitolare, condotto sia in assemblea plenaria, sia in gruppi di lavoro: la comunità, la missione, la formazione, la riprogettazione. Frutto di questa riflessione è il documento che presto sarà pubblicato in tutte le lingue della Congregazione (italiano, portoghese, spagnolo, inglese e francese), dal titolo appunto “Partirono senza indugio”. La realtà, descritta con realismo ma senza indulgere a elencare solo le note negative, diventa la sfida a “sognare” insieme il futuro e a delineare i “passi” concreti, necessari ad aprire il cammino, in una visione che ormai non può essere che globale.

Ogni Capitolo, da prassi secolare, è anche organo elettivo. Così, prima di arrivare alla redazione finale del suo documento, anche questo ha dato alla Congregazione e all’intera Famiglia pavoniana, la nuova Direzione generale. P. Ricardo Pinilla Collantes è stato confermato Superiore generale per i prossimi sei anni; a lui, spagnolo d’origine, sono stati affiancati come consiglieri quattro religiosi italiani: p. Giorgio Grigioni come Vicario generale, p. Gildo Bandolini, p. G.Battista Magoni e fr. Paolo Franchin.

A loro l’augurio e la preghiera di tutta la Famiglia pavoniana, che con rinnovata fiducia si mette sotto il manto della cara Madre Maria per seguire con decisione le tracce di san Lodovico Pavoni.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi