Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Terza d'Avvento

Scola: «Lo spazio fatto alla condivisione del bisogno
dei fratelli è spazio fatto a Dio»

Il Cardinale ha presieduto in Duomo la Celebrazione eucaristica: il Signore che viene in mezzo a noi rende la realtà «un qualcosa che non ci fa, paura, non più un mistero indecifrabile da scongiurare e da cui difendersi»

di Annamaria BRACCINI

27 Novembre 2016

“Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”. 
Parte dalla famosa domanda dei discepoli mandati dal Battista, nella pagina del Vangelo di Matteo, la riflessione del cardinale Scola che, in Duomo, presiede la Celebrazione eucaristica della III dell’Avvento ambrosiano. Tra le navate trovano posto moltissime persone, tra cui i fedeli provenienti dalla Zona pastorale IV con il loro Vicario episcopale, monsignor Giampaolo Citterio, gli aderenti all’“Apostolato della Preghiera” e a “Regnum Christi” cui si aggiungono gli appartenenti alla CP “San Francesco” di Mariano Comense e alla Cooperativa sociale “Il Carro” di Paullo. 
«Sempre, quello che accade, tanto più quando ci supera, non è dominabile e ci spiazza, suscita nuove domande in noi che, magari, passiamo tanto tempo della settimana dimenticandoci di Gesù», dice ancora nella sua omelia l’Arcivescovo che spiega: «La realtà, cioè quella trama di circostanze e rapporti in cui siamo immersi, ci pro-voca, ci interpella. Per questo non mi stanco di ripetere che dobbiamo insegnare bene ai nostri ragazzi che tutta la vita è vocazione, risposta alla chiamata che Gesù ci fa giorno dopo giorno, a scuola, sul lavoro, nel modo di vivere gi affetti e la giustizia. Ognuna di tali circostanze concrete descrive la nostra vita come una risposta». 
Un “dire sì” al Signore, che proprio per il suo essere venuto in mezzo a noi, dall’Incarnazione, ha fatto della realtà «un qualcosa che non ci fa paura, non più un mistero indecifrabile da scongiurare e da cui difendersi». Da qui, quella che il Cardinale chiama «una prima consolante realtà che possiamo cavare dalla liturgia di oggi:  Gesù ci accompagna e non ci abbandona mai».
Torna così, Scola, all’interrogazione iniziale – “Sei tu o no il Messia?” – e alla risposta di Gesù, indiretta, ma vòlta a indicare i segni della presenza del Messia che si sono realizzati. Appunto, quelle “profezie compiute” che danno il titolo alla Domenica di Avvento e sono suggello di ciò che accade con un Dio bambino che «esprimendo il suo stile di vita, ci costringe a essere coinvolti con Lui». Segni di compimento nella liberazione e nella redenzione. Le promesse fatte ai padri, nel Primo Testamento, divengono, così, visibili e rendono responsabili i credenti. «Una qualità di vita che il cristiano testimonia e documenta e che sa farsi carico di tutti i bisogni di ogni fratello, soprattutto degli umili e degli esclusi». 
Il pensiero è all’Anno giubilare, appena conclusosi: «La misericordia – offerta a tutti in modo sovrabbondante, come suggeriscono la Prima Lettura dal profeta Isaia e il brano dell’Epistola paolina ai Romani – è, dunque, la parola conclusiva che Dio rivela all’uomo e le opere di misericordia sono il talento che gli affida da trafficare». Un modo, questo, privilegiato di vivere l’Avvento che «ci domanda di stare nell’atteggiamento di perdono, di scavare in profondità nella nostra miseria per camminare sulla strada della felicità e del nostro compimento», scandisce l’Arcivescovo, citando la Lettera Apostolica “Misericordia et misera” e ricordando la visita di papa Francesco del 25 marzo prossimo a Milano. «Sarà una speciale occasione, una singolare provocazione per confermare la nostra fede e rimuovere tutte le nostre resistenze alla correzione e alla conversione». Richiamo ripreso al termine della Celebrazione: «Dobbiamo intensificare la nostra energia, mettendo a disposizione anche il sacrificio per la condivisione. La misericordia significa che dobbiamo praticare le opere di misericordia, scegliendo gesti semplici e compatibili con i nostri ritmi di vita. Ricordiamo che lo spazio fatto alla condivisione del bisogno è spazio fatto a Dio. Rimaniamo fedeli all’Eucaristia, partecipando anche una Messa nei giorni feriali».

Prigionieri del dubbio, nell’attesa della verità

«Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Giovanni è in prigione, incarcerato nella fortezza del Macheronte da Erode Antipa. Lui stesso aveva indicato Gesù come «l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo», ma ora è perplesso, smarrito persino. Possibile, si chiede il Battista nel buio della sua cella, che sia proprio questo il Messia atteso dal popolo di Israele? Nel suo consueto stile smagliante, di un’eleganza un po’ fredda, eppure sinuosa, Giovanni Paolo di Grazia illustra il momento del colloquio fra il Precursore, dietro le sbarre, e due suoi discepoli nel cortile del carcere. Si tratta di una tavoletta dipinta probabilmente attorno al 1465, che faceva parte di un’ampia composizione con varie scene dedicate alla vita di san Giovanni, oggi purtroppo disperse in diverse collezioni, ma in origine collocate forse nel Duomo di Siena, là dove era giunta, quale dono di Tommaso Paleologo a papa Pio II, la venerata reliquia del braccio destro del Battista. Quello stesso braccio qui puntato verso il cielo, come del resto riprenderà, mezzo secolo più tardi, anche Leonardo da Vinci in una sua celebre tavola oggi al Louvre. I volti dei tre personaggi sono tesi, scavati, segnati dalla tensione. E non è soltanto a causa della prigionia di Giovanni. C’è un dubbio da sciogliere, una domanda fondamentale a cui trovare risposta: «Sei tu colui che deve venire?». Giovanni, nonostante i doni carismatici che la potenza divina gli ha accordato, è ancora prigioniero della sua esitazione. Eppure vuole conoscere, vuole sapere la verità. Quella verità che fa liberi. Come Gesù, da lì a poco, gli manderà a dire: «Chi ha orecchi, ascolti!».
Luca Frigerio

Leggi anche

Dal 13 novembre
scola avvento 2012

Avvento in Duomo con Scola

Dal giorno in cui si chiude l’Anno Santo in Diocesi, l’Arcivescovo presiede in Cattedrale la Messa vespertina della domenica in preparazione al Natale. Ogni sera l’animazione liturgica sarà affidata a diverse realtà ecclesiali