Sirio 01-03 marzo 2024
Share

21 febbraio

Ripartono i Dialoghi, al centro la cura della persona

Appuntamento al Piccolo Teatro Studio Melato sul tema «Abbiate cura. Naturale e artificiale nell’esperienza umana». Cristina Messa introdurrà gli interventi di Vittorino Andreoli, Sandro Antoniazzi e Pierantonio Tremolada, moderati da Daniele Bellasio. Serata scandita da momenti di teatro, cinema e musica, con Paolo Jannacci

7 Febbraio 2017
Terza serata di "Dialoghi di vita buona" dal titolo "Confini e migranti: paure e soluzioni"

Il filo conduttore delle serate dei Dialoghi di vita buona che si terranno nella stagione teatrale 2016/17 al Piccolo Teatro Studio Melato è il tema della tecnica e l’influsso che questa ha nella vita umana, sia nella vita quotidiana sia nella strutturazione del pensiero. Da qui il titolo complessivo che caratterizza gli incontri: “Naturale e Artificiale nell’esperienza umana”. Naturale e artificiale si contrappongono e spesso c’è l’idea che la natura debba essere superata per essere perfezionata. Proprio la ricerca mostra come oggi i confini tra naturale e artificiale si stiano confondendo e sovrapponendo, creando un potere di manipolazione che va oltre la normale immaginazione.

Il secondo evento, in programma il 21 febbraio alle 20.30 al Piccolo Teatro Studio Melato (via Rivoli 6 – Milano) metterà al centro il tema del corpo e della cura, problematizzando l’aspetto della cura dal punto di vista scientifico, terapeutico, educativo, medico, religioso. Il mondo della cura, in tutte le sue dimensioni e in tutti i suoi significati è uno dei luoghi più coinvolti e toccati dalle trasformazioni in atto: cambia il modo di apprendere e insegnare; cambia il modo di crescere e di vivere i legami fondamentali; cambia il modo di esercitare la politica e il governo.
Si affronterà in prima battuta il tema dal punto di vista medico, illustrando cosa significhi curare e prendersi cura di un paziente oggi, e di come questa nobilissima attività umana sta cambiando. Poi si illustrerà come la cura è intesa nell’organizzazione sociale e di come influenzi le relazioni sociali. Infine, attraverso il pensiero teologico si aiuterà il pubblico a comprenderne il significato profondo.

Cristina Messa, rettore dell’Università di Milano Bicocca, introdurrà gli interventi di Vittorino Andreoli (psichiatra e scrittore), Sandro Antoniazzi (Fondazione San Carlo) e monsignor Pierantonio Tremolada (biblista, Vescovo ausiliare di Milano). Seguirà il dibattito tra i protagonisti moderato da Daniele Bellasio, caporedattore de Il Sole 24 Ore. La serata sarà inoltre scandita da momenti di teatro, di cinema e di musica, con Paolo Jannacci, che aiuteranno a riflettere sugli argomenti trattati e ad entrare nel vivo del dibattito.

La serata è a ingresso gratuito, fino ad esaurimento dei posti disponibili, con prenotazione al link www.piccoloteatro.org/it/dialoghi.
E’ possibile partecipare attivamente alla serata seguendo l’account twitter @dialoghivb o twittando con utilizzando l’hashtag #dialoghi.

Nati per iniziativa del cardinale Angelo Scola e del professore Massimo Cacciari, i “Dialoghi di vita buona” sono promossi da diverse realtà culturali, sociali, economiche della metropoli milanese e vogliono essere una risposta comune alla frammentazione che caratterizza la nostra società.
 

 

Dirette tv e web

La serata sarà trasmessa in diretta alle 20.30 su Telepace (canale 187), Chiesa Tv (canale 195) e www.chiesadimilano.it

Leggi anche

Intervista
foto 366563

Mozzanica: «Recuperare la trascendenza soggettiva della persona»

Docente universitario ed esperto di tematiche sanitarie, rileva: «L’essere umano è sempre oltre e “altro” rispetto alla malattia. Occorre prendersi cura di lui nella sua integralità»

di Annamaria BRACCINI

Presentazione
mani_assistenza

Non soltanto curare, ma prendersi cura

La riflessione sui concetti di corpo e cura prosegue quella partita il 24 ottobre sulla tematica generale «Naturale/Artificiale» e sull’influenza della tecnoscienza, oltre che sulla nostra esistenza, anche su mentalità e cultura

di Luca BRESSAN Vicario episcopale

Riflessione
Cristina Messa

Le ragioni del corpo

Lo sviluppo tecnologico accresce le potenzialità delle diagnosi e degli interventi, ma allo stesso tempo può indebolire la relazione tra medico e paziente. Come valorizzare la meccanicizzazione della professione senza perdere di vista la dimensione umana?