Redazione

I ‘lontani’ sono al centro della preoccupazione e della passione pastorali di Montini fin dal giorno del suo ingresso in diocesi. La Missione, che vuol proporre a tutti i milanesi Dio padre, sarebbe incompleta e mutilata se trascurasse questa porzione ormai maggioritaria del popolo di Dio. Per questo l’arcivescovo sceglie di scrivere direttamente a questi ‘figli e fratelli lontani’. “Sono legione: quelli che non vengono in Chiesa; quelli che non pregano più e non credono più; quelli che hanno la coscienza triste per qualche peccato, o insensibile per le troppe faccende profane;; quelli che disprezzano la Chiesa e che bestemmiano Dio, quelli che si credono bravi e sicuri perché non pensano più alla religione, al paradiso, all’inferno”.

• LETTERA AI LONTANI
• LETTERA AI MALATI
• LETTERA AI GIOVANI

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi