Sirio 20 -25 maggio 2024
Share

Celebrazioni

Novena di Natale in Duomo

Dal 16 al 23 dicembre, nei giorni feriali alle 17.30, Messa capitolare celebrata fra i Vespri: diretta tv e web

15 Dicembre 2021
Maria e Giuseppe - antello del Duomo

La liturgia dell’Avvento, a partire dal 16 dicembre, con la Commemorazione dell’Annuncio a san Giuseppe e le successive Ferie prenatalizie «dell’Accolto» (de Exceptato), è tutta orientata alla preparazione al Natale di Gesù.

Come ricorda il nostro Arcivescovo, «la dimensione della speranza e l’attesa del compimento sono sentimenti troppo dimenticati nella coscienza civile contemporanea e anche i discepoli del Signore ne sono contagiati. L’Avvento è tempo di grazia non per preparare la commemorazione di un evento passato: alimentiamo la virtù della speranza, ne abbiamo un immenso bisogno, noi, il nostro tempo, le nostre comunità».

Il Duomo, cuore della vita liturgica della Diocesi, accompagna questi giorni con un momento celebrativo specifico rivolto a tutti e, in particolare, a quanti per motivi di studio e di lavoro, anche in questo tempo, si trovano in centro a Milano.

Da giovedì 16 a giovedì 23 dicembre (nei giorni feriali da lunedì a venerdì), alle 17.30, è prevista all’altare maggiore la Messa capitolare celebrata fra i Vespri. La celebrazione è trasmessa anche in diretta televisiva su Chiesa Tv (canale 195 del digitale terrestre) e in streaming su www.chiesadimilano.it

Attraverso l’ascolto della Parola di Dio e la preghiera liturgica, affrettiamo il nostro cammino nella speranza, facendoci pellegrini verso Betlemme – proprio come Maria e Giuseppe rappresentati nell’antello della vetrata del Duomo, dedicata al Nuovo Testamento (a sinistra) – e chiediamo di essere illuminati dal Signore Gesù che, venendo nel mondo, vince la notte del nostro cuore, compie ogni attesa, conforta ogni solitudine e santifica ogni esistenza: «Sii vicino, o Dio onnipotente, a chi ti aspetta con cuore sincero; a chi si sente tanto fragile e povero dona la forza e la ricchezza della tua carità inesauribile».