Redazione

La Natività di Gesù è un richiamo alle riunioni familiari e un invito anche ad aprirsi agli altri, agli estranei, soprattutto ai più disagiati. Ma solidarietà e accoglienza non possono valere per un solo giorno dell’anno: il 25 dicembre aiuti a rischiarare anche gli altri 364.

di Giuseppe Grampa

L’imperativo racchiuso nel titolo “Natale con i tuoi” resiste ancora, nonostante il richiamo delle piste innevate o delle spiagge esotiche. L’auto è già pronta con i bagagli, ma molti non rinunciano alla cena della Vigilia con relativa Messa di Mezzanotte, o al pranzo del giorno. Poi, onorato il detto popolare, si parte; ma la tradizione familiare è salva, anche quest’anno.
Perché Natale con i tuoi? Protagonista di questa festa non è forse la famiglia, quella di Giuseppe e Maria? Non si celebra la nascita di un figlio? Èquindi naturale che questa festa sia diventata festa della casa, della famiglia, dei bambini. Se c’è un giorno dell’anno in cui tornare a casa e ritrovare i propri familiari, questo è il giorno di Natale. Se c’è un giorno in cui la lontananza e la separazione pesano sul cuore fino a essere insopportabili, questo è il giorno di Natale.

Natale con i tuoi, perché in questo giorno noi celebriamo un evento semplicissimo, eppure sconvolgente. Quel Dio che dalla notte dei tempi gli uomini cercano battendo le strade più diverse, quel Dio si è fatto vicino all’uomo, ha lasciato le stelle per abitare l’umanità di un bambino. Quel Dio che diciamo onnipotente, principio e ragione di tutte le cose, perfetto nella sua autosufficienza, è nelle braccia di una giovane donna, dopo esser stato come intessuto per nove mesi nel suo piccolo utero.
Nessun altro evento cristiano è più comprensibile di questo. Nella capanna di Betlemme si può entrare senza fatica, basta chinarsi appena e si è accolti dal calore e dall’odore degli animali e dal pianto di un neonato. Singolare cornice per la nascita del Figlio di Dio che ha nome Emmanuele, cioè Dio con noi.

Il Natale parla il linguaggio del primo e più elementare gesto umano: il nascere. Per questo il Natale è festa che tutti o quasi celebrano a loro modo, o con i riti religiosi o con altri segni di umanità. Ècome l’alta marea che raggiunge tutti. È festa di grembo e di mammelle turgide di latte: «Beato il grembo che ti ha portato e le mammelle da cui hai succhiato il latte» (Lc 11,27-28). Grembo e seno non sono forse i luoghi primi e fondamentali della nostra condizione umana? Per questo la casa è il luogo del Natale, la famiglia il suo spazio, i bambini i suoi protagonisti.
Natale con i tuoi. Eppure, proprio in questo giorno, i tuoi non sono solo i tuoi. Natale compie il miracolo di chiamare “tuoi” anche coloro che gli altri giorni dell’anno non lo sono: gli estranei, gli altri, addirittura i nemici. Questo giorno è per tutti una tregua: tacciono le armi, deponiamo le ostilità, tendiamo una mano. Perché proprio questo giorno conosce gesti di solidarietà e di accoglienza? Perché proprio in questo giorno vorremmo che nessuno sia lasciato alla solitudine e allo squallore: per tutti, soprattutto i più disastrati, vorremmo uno spazio di calore, una parentesi di serenità. Almeno oggi cade la distanza tra i “miei” e gli “altri”.

Ma proprio questa cascata di umanità e di dolcezza suscita in taluni una sorda avversione. Conosco una persona che in questo giorno si rifiuta di scambiare auguri e doni, non sopporta i rituali familiari, si sottrae a questo diluvio di buoni sentimenti, se appena può scappa a sciare. Dal suo calendario ha cancellato il 25 dicembre.
Non ha tutti i torti, il mio amico D. È finzione ipocrita una tregua di ventiquattr’ore per tornare subito dopo all’indifferenza e alla durezza che non apre la porta a chi non è dei miei, a chi è altro, estraneo. Il mio amico D. non vuole celebrare il Natale, non vuol mettersi per un giorno quella che considera una maschera di mitezza, umanità, benevolenza, per poi riprendere i tratti duri, forse spietati, di chi non riconosce affatto che l’altro è dei “miei”. Dice il mio amico D.: non fingiamo, per un solo giorno, di essere quelli che non siamo negli altri 364. Davvero, non ha tutti i torti.
Eppure…

Io invece vorrò celebrare il Natale, anzi mi sto preparando da settimane lungo questo Avvento. Sto pensando ai doni per dire affetto, gratitudine, amicizia. Mi chiedo: chi tra i miei studenti lontani dalla propria famiglia potrò invitare alla tavola della nostra casa, dove mio fratello vescovo preparerà il risotto? Non farò altri gesti “straordinari” per Natale: li terrò come in serbo per gennaio e febbraio quando, spente le luminarie, tornerò in Albania perché anche lì ci sono i “miei”.
Al mio amico D. – che non sopporta la festa di Natale e che non pensa proprio di farmi gli auguri -, io vorrei qui augurare un Natale buono. Un giorno buono non fa certo male, anzi può rischiarare gli altri 364, come la scia luminosa della cometa di Betlemme.
Natale buono, D.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi