Si è tenuta nei giorni scorsi la 64ª assemblea generale della Cei. Ecco le conclusioni

Cei maggio 2012
ROMA 24-05-2012 Cei - Conferenza Episcopale Italiana Assemblea Generale, Il Papa Benedetto XVI, interviene all' assemblea generale della Conferenza Episcopale Italiana Ph: Cristian Gennari/Siciliani

«Le sfide del tempo presente non possono essere affrontate con risposte semplicistiche». Al riguardo, «tra le priorità rimarcate c’è l’obiettivo dell’accesso al lavoro e, quindi, di segnali che consentano soprattutto ai giovani di andare oltre l’attuale precarietà». Sono alcuni passaggi del comunicato finale, diffuso al termine della 64ª assemblea generale della Conferenza episcopale italiana, riunita nell’Aula del Sinodo della Città del Vaticano dal 21 al 25 maggio.

Rispondere alla crisi. L’assemblea, informa il comunicato, ha evidenziato che, «prima ancora del pur reale bisogno di riforme economiche», c’è quello di «un autentico ripensamento culturale collettivo»: «Ad una crisi epocale si deve rispondere con un cambiamento altrettanto epocale», innanzitutto di mentalità. L’episcopato ha sottolineato come questo comporti «il superamento della cifra dell’individualismo e della logica dell’utilitarismo»: se un ciclo si è definitivamente interrotto, «il nuovo sarà comunque diverso» e richiederà «idee, progetti e comportamenti adeguati alla nuova condizione». Nella consapevolezza che «ci vuole intelligenza, coraggio e perseveranza per proporre strade concrete, efficaci e percorribili» i pastori della Chiesa italiana hanno rinnovato «l’impegno a fare fino in fondo la loro parte». È parte essenziale di questo impegno «la tutela e la promozione della famiglia».

Formazione e testimonianza. Per contrastare la «preoccupante crisi di fede», per i vescovi italiani, c’è «la necessità di favorire la formazione, valorizzando i contenuti del Catechismo della Chiesa cattolica, quale via per riprendere con forza anche l’insegnamento conciliare». Ma per evitare che la fede cristiana oggi rischi di diventare evanescente, occorre pure «trovare le forme con cui testimoniare che l’essere credenti crea le condizioni migliori di una vita piena e riuscita, nonché integrata in una prospettiva elevante ed eterna». I vescovi hanno anche approfondito nei gruppi di studio, nel dibattito e nelle conclusioni assembleari il tema dell’anno in corso, legato alla «formazione degli adulti e della famiglia». Tale lavoro di discernimento è stato introdotto da una relazione magistrale sul tema «Gli adulti nella comunità: maturi nella fede e testimoni di umanità». Nel quadro del cammino che la presidenza della Cei ha promosso nel corso di quest’anno su temi inerenti la dottrina sociale della Chiesa, un secondo momento di riflessione ne ha messo a fuoco attualità e importanza.

Questioni affrontate. Completando l’opera condotta nelle ultime due assemblee generali, i vescovi hanno esaminato e approvato l’ultima parte dei materiali della terza edizione italiana del Messale Romano, giungendo alla sua approvazione complessiva. In assemblea sono state presentate e rese pubbliche poi le «Linee guida per i casi di abuso sessuale nei confronti di minori da parte di chierici», in sintonia con quanto indicato dalla Congregazione per la dottrina della fede. Si è quindi dato spazio ad alcune determinazioni in materia giuridico-amministrativa: la presentazione e l’approvazione del bilancio consuntivo della Cei per l’anno 2011, nonché delle ripartizioni e assegnazioni delle somme derivanti dall’8 per mille per l’anno 2012; la presentazione del bilancio consuntivo dell’Istituto centrale per il sostentamento del clero per l’anno 2011. Alcune comunicazioni hanno riguardato la pastorale delle migrazioni, la comunicazione pubblica e il seminario di studio per i vescovi nell’Anno della fede. Inoltre, sono stati presentati degli appuntamenti di rilievo: l’Incontro mondiale delle famiglie, la Giornata della carità del Papa e la Giornata mondiale della gioventù. È stato presentato e approvato il calendario delle attività della Cei per il 2012-2013.

Il primato della fede. L’intervento del Santo Padre alla 64ª assemblea generale, giovedì 24 maggio, da una parte ha contribuito a evidenziare la piena sintonia tra il Magistero pontificio e i contenuti della prolusione offerta dal card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei; dall’altra, per molti aspetti ha costituito un’ampia sintesi del confronto che ha animato il complesso dei lavori assembleari e che trova «nel primato della fede la sua cifra essenziale».

Nomine. L’assemblea ha anche eletto il vice presidente per l’area Sud, mons. Angelo Spinillo, vescovo di Aversa, mentre il Consiglio episcopale permanente, nella sessione del 23 maggio, ha provveduto a una serie di nomine: presidente del Comitato per i Congressi eucaristici nazionali, card. Angelo Bagnasco (arcivescovo di Genova); delegato della Cei presso la Comece, mons. Gianni Ambrosio (vescovo di Piacenza-Bobbio); assistente ecclesiastico della Confederazione delle confraternite delle diocesi d’Italia, mons. Mauro Parmeggiani (vescovo di Tivoli); coordinatore nazionale della pastorale per le comunità cattoliche malgasce in Italia, padre Pierre Emile Rakotoarisoa; coordinatore nazionale della pastorale per le comunità cattoliche romene di rito latino in Italia, mons. Anton Lucaci; presidente nazionale maschile della Fuci, Stefano Nannini. Infine, ha fissato la data della prossima Settimana sociale dei cattolici italiani: Torino, 12–15 settembre 2013.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi