Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Le Banche del tempo TU MI DAI, IO TI DO

9 Ottobre 2007

Dall’attività di babysitting, ai consigli in cucina, alle piccole riparazioni in casa. Le Banche del tempo, realtà ramificata sul territorio nazionale dal 1995, sono vere e proprie associazioni che offrono un’occasione di socializzazione, ma soprattutto un aiuto concreto per il disbrigo delle faccende domestiche.

di Cristina Conti

Corsi per il tempo libero, ma soprattutto un aiuto concreto per il disbrigo delle faccende domestiche. Questo l’obiettivo delle Banche del tempo, una realtà ramificata sul territorio nazionale dal 1995. «Le Banche del tempo non sono solo luoghi di passaggio e di scambio ma vere e proprie associazioni dove conoscere e frequentare nuovi amici, magari appassionati degli stessi hobby» dice Grazia Pratella, presidente del coordinamento delle banche del tempo di Milano e provincia.

Accompagnamento, inteso non solo come trasporto di persone o cose, ma anche come compagnia per condividere insieme uscite serali, teatri, gite e altro, babysitting, bricolage, piccoli aiuti nella riparazione di oggetti domestici e lavoretti di manutenzione, dogsitting e catsitting per accudire gli animali durante le assenze dei padroni: queste alcune delle attività in cui la Banca del tempo può essere d’aiuto.

«Vogliamo innanzitutto dare una mano nella gestione della casa intesa come area di aiuto in tutte le faccende domestiche, poiché è il luogo più importante per la famiglia. Ma il nostro intervento va anche oltre», aggiunge. Chi ha una buona preparazione in materia di computer può offrirsi per battere testi, comporre biglietti da visita, oppure dare lezioni. Anche la cucina è sempre molto richiesta: non solo per imparare a cucinare, ma anche per dare e avere consigli e “dritte” per ricette particolari. Chi sa cucire e ricamare poi può eseguire piccole riparazioni o anche per insegnarle. Mentre chi ama il giardinaggio, può occuparsi della cura delle piante durante i periodi di vacanza ma anche dare consigli pratici a chi non ha il “pollice verde”. «Per i figli, che vanno ancora a scuola sono molto richieste le lezioni private. La tipologia è varia dalla matematica, all’uso del pc alle conversazioni in lingua straniera», spiega.

Affiancate a queste attività di aiuto che si scambiano gli iscritti, le Banche del tempo hanno sviluppato un’interessante ragnatela di attività collaterali, ricreative e culturali, con lo scopo di coinvolgere nel tempo libero sia i soci che le loro famiglie. Corsi di scrittura creativa, storia dell’arte, recitazione, ballo, canto, tanto per fare degli esempi, sono attività molto richieste per il tempo libero. Altrettanto diffuse sono le presentazioni di libri, incontri musicali e di poesia, le proiezioni cinematografiche e le visite guidate, così come le escursioni di natura turistica e culturale.

Per informazioni: Coordinamento Banche Del Tempo di Milano e Provincia c/o AUSER, via dei Transiti 21, Milano; tel. 02.26.18.006.