Nell'aula dell'assemblea il cardinale Scola parlerà di “Un nuovo umanesimo: il futuro della Lombardia”

scola

“Un nuovo umanesimo: il futuro della Lombardia” è il tema dell’intervento che l’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, svolgerà martedì 4 febbraio, alle 10, nell’aula del Consiglio regionale della Lombardia. L’appuntamento era stato inizialmente programmato per il 17 dicembre scorso, ma di comune accordo era poi stato procrastinato a una data successiva alle feste di fine anno.

L’intervento dell’Arcivescovo in Consiglio regionale fa così seguito all’invito che gli era stato formulato dal Presidente dell’assemblea legislativa lombarda Raffaele Cattaneo «a nome dell’Ufficio di Presidenza e dei capigruppo consiliari», come a suo tempo lo stesso Cattaneo aveva comunicato ai consiglieri. In quell’occasione il Presidente del Consiglio regionale aveva sottolineato il valore dell’incontro come «un fatto di grande rilievo per il dibattito civico», «non solo per l’importanza del ruolo pastorale del cardinale Scola», ma anche per la sua «alta figura intellettuale», sicuramente in grado di «darci indicazioni importanti».

Al suo arrivo, l’Arcivescovo visiterà la mostra “Momenti di Lombardia”, allestita presso lo Spazio eventi al primo piano di Palazzo Pirelli. A seguire l’ingresso in Aula, con un breve indirizzo di saluto rivolto al Cardinale dal presidente del Consiglio regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo, dal consigliere Umberto Ambrosoli, su indicazione dei gruppi di minoranza, e dal presidente della Giunta regionale Roberto Maroni. Al termine della visita l’Arcivescovo rivolgerà un saluto ai dipendenti del Consiglio regionale che desiderano incontrarlo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi