Il sussidio di approfondimento per la Giornata, giunta alla trentesima edizione, presenta il libro di Ester. Il Consiglio delle Chiese di Milano propone un appuntamento di riflessione all'Ambrosianeum

di Rosangela VEGETTI

giornata_ebraismo Cropped

Il consueto sussidio offerto per la Giornata di incontro e approfondimento del dialogo tra cristiani ed ebrei del 17 gennaio (giunta al XXX anno) presenta il testo biblico di Ester, scelto per aiutare tutti i fedeli a riscoprire il legame con l’ebraismo nella sua storia e nel suo presente in mezzo a noi.

Scrive nella presentazione dell’opuscolo monsignor Ambrogio Spreafico, presidente Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo Cei: ««Auspichiamo che la Giornata del 17 gennaio diventi ovunque un’occasione per questo approfondimento. In un tempo in cui sembrano acuirsi le contrapposizioni, in cui il dialogo risulta più faticoso e quasi scelta debole, vorremmo invitare tutti a un impegno rinnovato, perché sia contrastata ogni forma di antisemitismo e di razzismo nella mutua comprensione perché il dialogo è l’unica via della pace».

La storia raccontata nel rotolo di Ester è alla base di una festa ebraica molto partecipata, la festa del Purìm, che ricorda la salvezza ottenuta per il popolo ebraico dalla regina Ester che ne impedì il massacro progettato dalle autorità persiane per lo sterminio dei prigionieri. Tutta la storia del rotolo di Ester dimostra che tutti i disegni perversi, anche se apparentemente vincenti, vengono smantellati, con una concatenazione di eventi che sistematicamente li distrugge.

Una riflessione sempre attuale, in ogni tempo e in ogni contesto, che il Consiglio delle Chiese di Milano vuole proporre quest’anno alla città di Milano con un appuntamento all’Ambrosianeum, a cui tutta la cittadinanza è invitata (vedi box a fianco).

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi