Il ritratto di un sacerdote salesiano che opera nella parrocchia di San Domenico Savio a Turro: con la sua vitalità e il suo atteggiamento positivo è un punto di riferimento nel quartiere

di David KRANER

Don Gianni Rossoni

Gianni è sempre sorridente. Trasmette felicità, speranza e gioia. Ogni giorno va a passeggiare in via Luigi Bertelli, lungo la Martesana, a Turro. Per lui è come un rito, durante il quale trova sempre il momento buono per avvicinare le persone che lì trascorrono il loro tempo libero. È socievole, positivo, sempre pronto ad aiutare il prossimo. Quasi tutti i giovani e gli anziani del quartiere lo conoscono.

Gianni ha 75 anni, anche se ne dimostra almeno dieci di meno, ed è un sacerdote salesiano. Nono di dieci fratelli, ha perso la madre a 14 anni e questo lutto ha segnato la sua adolescenza. La sua vita ha conosciuto molte salite. È stato ordinato prete nel 1972, dopo aver trascorso sette anni in Venezuela, dove ha svolto il noviziato salesiano, gli studi in filosofia e il tirocinio. Racconta di quella sua esperienza con passione ed entusiasmo, così come del periodo trascorso successivamente in Bolivia.

Tutto ebbe inizio quando nella comunità salesiana di Bologna arrivò un confratello boliviano, don Dante, bisognoso di assistenza perché malato di diabete: gli avevano amputato una gamba e gliel’avevano sostituita con una protesi. Don Gianni si prese cura di lui, cercando di alleviare le sue sofferenze. Poi, nel 1999, don Dante dovette far ritorno nel suo Paese. Da solo, però, non sarebbe stato in grado di viaggiare: qualcuno doveva accompagnarlo. Gianni si offrì di andare con lui e in Bolivia, oltre ad assistere il confratello, ogni giorno celebrava messa nei quartieri (chiamati campos). Lì conobbe diverse persone e offrì il suo servizio, ottenendo molte soddisfazioni.

Adesso don Gianni lavora nella parrocchia di San Domenico Savio a Turro, dove era già stato per un triennio una trentina di anni fa. «Giovanni di trent’anni fa», lo chiamano quelli che erano i suoi allievi di allora. Non è parroco, solo “assistente”. Non ricopre incarichi precisi: scherzando, dice di essere «“innocente” da incarichi». È convinto che a contare non siano le cariche, ma il carattere della persona, perché il “mestiere” del prete è servire la gente come ha fatto Gesù.

Io l’ho incontrato una volta per strada, lungo il torrente. Prima l’ho visto parlare con una giovane famiglia, poi con un altro giovane. La gente ha molta fiducia in lui. Il suo segreto è il sorriso. Sorride sempre, anche quando, per motivi di salute o per altri problemi, non sarebbe facile. Saluta sempre tutti. Gli ho chiesto il motivo: «Conosce tutta questa gente?». Mi ha risposto: «Non li conosco tutti, ma un saluto e un sorriso mi avvicinano alla gente. Un sorriso non costa nulla e dà felicità a chi lo riceve.» Vuole portare speranza a tutti: aiuta i giovani a trovare il lavoro, consola gli anziani, porta felicità alle famiglie.

In questo mese, in parrocchia, si è tenuto l’oratorio feriale. «I giovani non vengono in oratorio solo per giocare – sottolinea -. Io non ho mai lasciato che un giovane giocasse da solo, devono essere sempre almeno in due. L’oratorio deve aggregare. E il responsabile deve essere costantemente in contatto con genitori: solo cosi si può davvero educare».

Con la sua vitalità e il suo atteggiamento positivo, don Gianni è un punto di riferimento nel quartiere. La gente si affida a lui, confidandosi per strada, nel parco, nei negozi… Il suo sorriso è un raggio che dona felicità a chi lo accetta.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi