La Fondazione, nata a La Spezia nel 2013, sta per avviare le sue attività in città: le illustrerà il 5 dicembre a San Barnaba in Gratosoglio, dove terrà una vendita di pasta fresca di sua produzione

di Emilia Flocchini

pasta Il Domani dell'Autismo
La pasta prodotta a La Spezia che sarà venduta al Gratosoglio

La fondazione «Il Domani dell’Autismo», nata a La Spezia nel 2013, sta espandendo le proprie attività anche nel nostro territorio diocesano. Sono già sette le famiglie della città di Milano che si sono associate, conquistate dal progetto che Alberto Brunetti, il fondatore, sta portando avanti su tre fronti: il lavoro, la residenzialità e il “dopo di noi”.

Brunetti, padre di un figlio con autismo, ha infatti rilevato uno stabile, da cui ha creato l’albergo “Luna Blu”, dove lavorano persone su vari turni, nonché, nello stesso edificio, un laboratorio di pasta fresca ed essiccata, un bar, un ristorante e una casa per ferie. Tutto questo per venire incontro a quanti, a causa dell’autismo, sono spesso i primi a venire scartati nei colloqui di lavoro.

Perché a Milano

Il fondatore stesso spiega com’è avvenuto l’aggancio milanese: «Una famiglia che è venuta a conoscenza delle nostre attività alla “Luna Blu” l’ha proposto a un gruppo di famiglie di Milano che fa capo all’associazione Diesis: sono venuti, hanno apprezzato le attività, hanno cominciato a venire con continuità e alla fine hanno deciso d’iscriversi alla nostra Fondazione», a partire dallo scorso luglio. Il suo desiderio è «fare in modo che le persone con autismo prendano fiducia in loro stesse, uscendo da quella sorta di guscio in cui finiscono col rinchiudersi, e dimostrino il loro valore, in modo da poter essere loro stessi gli artefici della loro vita». Per fare questo ha voluto anche un appartamento, nel medesimo stabile del ristorante, e altri ne sta avviando in cohousing.

Farsi conoscere

A Milano la situazione è ancora embrionale, come descrive Paola Gandolfo, madre di Marina, ventiseienne con sindrome di Asperger, nonché parrocchiana di San Barnaba in Gratosoglio. «Nell’attesa di definire quale attività avvieremo a Milano, in funzione di quello che sarà più adeguato per i nostri ragazzi, iniziamo a far conoscere la pasta prodotta dai ragazzi della sede di La Spezia vendendola in occasioni limitate, come mercatini parrocchiali, oppure attraverso i Gruppi di Acquisto Solidali». Così infatti è stato scelto di agire a San Barnaba, dove alla Messa delle 10.30 di domenica 5 dicembre, a ridosso della Giornata mondiale per le persone con disabilità 3 dicembre), verranno vendute le confezioni di pasta e spiegate le attività future.

Un altro elemento fondamentale della Fondazione, del quale potranno entrare a far parte anche le famiglie milanesi, è il trust che potrà garantire una sicurezza anche dal punto di vista finanziario per tutti i soci.

Info: ildomanidellautismo.mi@gmail.com

 

 

Ti potrebbero interessare anche: