Nella luce della Pasqua siamo chiamati a rinnovare la nostra fiducia proprio in questo tempo oscuro che ci fa attraversare la prova

di Anna DEODATO
Ausiliaria diocesana, formatrice vocazionale

speranza

Vorrei entrare attraverso questa porta spalancata dalla resurrezione di Gesù, il Crocifisso Risorto che Papa Francesco ci ha ricordato nella sua omelia nella Veglia pasquale: “Stanotte conquistiamo un diritto fondamentale, che non ci sarà tolto: il diritto alla speranza” (Omelia nella veglia pasquale nella notte santa. Papa Francesco, 11 aprile 2020) per condividere con voi qualche frammento di questo tempo intenso che tutto il mondo sta vivendo. Lo faccio a partire dal mio servizio ecclesiale che è quello dell’ascolto e dell’accompagnamento di persone che per diversi motivi sono state ferite nella loro vita e che chiedono un aiuto per poter ripartire con maggiore dignità e speranza. Lo farò insieme a loro perché sono convinta che la voce dei più deboli e vulnerabili sia la voce del vangelo che anche oggi, in questo tempo oscuro e di prova siamo tutti chiamati ad ascoltare…

In allegato il testo completo

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi