L’Adorazione eucaristica svoltasi in cattedrale e in tutte le Zone pastorali della Diocesi è stata un’occasione per manifestare solidarietà alle popolazioni terremotate. Il commosso ringraziamento di monsignor Busti, vescovo di Mantova

di Simona BRAMBILLA

adorazione eucaristica

Erano migliaia i fedeli e i religiosi riuniti stasera in Duomo per partecipare all’Adorazione eucaristica guidata dal cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia. Un momento di intensa preghiera a cui hanno partecipato anche i Vescovi provenienti dalle terre più colpite dal sisma di questi giorni: monsignor Roberto Busti, vescovo di Mantova, monsignor Antonio Lanfranchi, vescovo di Modena, monsignor Paolo Rabitti, vescovo di Ferrara e monsignor Francesco Cabina, vescovo di Carpi. Era inoltre presente monsignor Yves Marie Pean, vescovo di Gonaives (Haiti), paese duramente colpito dal terremoto nel 2010 e che ancora oggi fatica a risollevarsi.

«Voglio innanzitutto ringraziare il Santo Padre e tutti voi per la vicinanza che ci state dimostrando – ha detto monsignorBusti a nome di tutti gli altri vescovi -. Di terremoti ne sono capitati tanti e io per primo ho voluto dare il mio aiuto. Ma solo ora, attraverso l’esperienza diretta, riesco a capire l’immenso dolore che si prova quando le cose quotidiane vengono a mancare. L’equilibrio tra la famiglia, il lavoro e la festa, costruito in lunghi anni, è stato distrutto in pochi secondi. Per questo vi chiedo, cari fratelli e sorelle, di non dimenticarci».

Come ha sollecitato il Santo Padre oggi pomeriggio in piazza Duomo, in questo momento è necessario dare un segnale forte di solidarietà e fratellanza alle famiglie vittime del sisma. Per sopperire almeno alle necessità più urgenti dei circa 15 mila terremotati che da giorni vivono nelle tendopoli, al termine dell’Adorazione eucaristica è stata organizzata una colletta per raccogliere ulteriori fondi. Una gara di solidarietà che ha visto coinvolte anche la maggior parte delle chiese ambrosiane. La stessa Adorazione eucaristica, infatti, si è svolta anche nelle sette Zone pastorali.
Il tema-guida dell’Adorazione ha ripreso quello di Familuy 2012, “La famiglia: il lavoro e la festa”. Dopo il momento iniziale dell’esposizione dell’Eucarestia sono seguiti tre “quadri” ispirati alle catechesi preparatorie dell’Incontro mondiale: il primo dal titolo “Il segreto di Nazareth”, il secondo dal titolo “Il lavoro risorsa per la famiglia” e il terzo dal titolo “La festa tempo per il Signore”, nona catechesi.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi