Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/fuci-diocesana-vivaldelli-nuovo-presidente-792860.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Nomina

Fuci diocesana, Vivaldelli nuovo presidente

Nativo di Riva del Garda, 22 anni, studia Giurisprudenza alla Cattolica, dove ha già presieduto il gruppo interno. Ricoprirà la carica fino al 2024

di Francesca Bertuglia

4 Luglio 2022
Federico Vivaldelli

Federico Vivaldelli è il nuovo presidente della Fuci diocesana di Milano (Federazione universitaria cattolica italiana). Classe 2000, nativo di Riva del Garda e studente di Giurisprudenza in Università cattolica, ricoprirà la carica per il biennio 2022-2024. Nel biennio passato Vivaldelli è stato già presidente del gruppo della Fuci Cattolica. La Fuci, infatti, è presente nelle università milanesi con tre gruppi: Università Statale (gruppo presieduto da Elisa Granata), Università Cattolica (gruppo ora presieduto da Leonardo Cervi) e polo universitario di Città Studi (quest’ultimo si rivolge sia agli studenti del Politecnico, sia a quelli delle facoltà scientifiche della Statale ed è presieduto da Isabella Daino). La presidenza diocesana ora assunta dal giovane studente trentino coordina le iniziative dei tre gruppi.

Coniugare fede e ragione

«Finito il liceo classico, mi sono trasferito a Milano tre anni fa, in uno dei collegi dell’ateneo, per iscrivermi a Giurisprudenza in Università Cattolica – racconta Vivaldelli -. Avevo già in partenza il desiderio di conoscere nuove forme associative che potessero essere formazione e aggregazione stimolante in questa nuova città. Già a Riva del Garda avevo frequentato l’associazione ecclesiale Via Pacis, una realtà con cui sono in contatto tutt’ora, quando rientro a casa. Tuttavia, come studente universitario avevo l’intenzione di conoscere un ambiente che coniugasse formazione personale e spiritualità, per cui – in un certo senso – fede e ragione non fossero contrapposte, ma procedessero in parallelo. L’ho trovato nella Fuci».

Le difficoltà della pandemia

Federico spiega che nel tempo della pandemia le attività associative sono state particolarmente penalizzate ed è stato più complicato il “ricambio generazionale”, tra neolaureati che lasciavano il gruppo e nuove matricole che non hanno avuto la possibilità di conoscere l’associazione, “ferma” a causa del lockdown. «Gli anni tra 2020 e 2022 sono stati tosti per tutti, e anche in questo ambito di servizio ci siamo dovuti adattare, abbiamo cercato di reinventare i nostri gruppi, di sfruttare in modo positivo gli strumenti digitali perché non si perdesse il desiderio di parlarsi, di confrontarsi, di conoscersi, seppur in modo parziale. Per fortuna, in quest’ultimo anno accademico una buona parte delle attività è tornata in presenza, ed è stato un po’ come ripercorrere i primi passi», commenta.

Relazioni e collaborazione

La Fuci, aggiunge ancora il neo-presidente, si propone agli studenti come un luogo dove avere la possibilità di mettere in gioco le proprie qualità, cercare un confronto paritario e proficuo, coltivare la propria crescita personale su più fronti. «Una realtà universitaria con “un’offerta” ampia, perché ogni studente possa trovare il proprio posto e sentirsi arricchito dal punto di vista spirituale, culturale e relazionale – prosegue Vivaldelli -. La scommessa dei prossimi due anni è continuare a puntare sulle relazioni e sulla collaborazione, in primis, Azione cattolica ambrosiana, Meic, Pastorale universitaria e giovanile, come si è sempre cercato di promuovere in passato». E conclude: «Ciò che vorrei trasmettere è la consapevolezza che prendersi un impegno vuol dire mettere passione nel proprio servizio. Se devo far capire a qualcuno che questa esperienza è importante, devo saper condividerne la bellezza. Perciò credo che la Fuci – e tutte le realtà associative pari – abbia la missione di essere accogliente perché, come ha detto recentemente anche papa Francesco nell’omelia della festa dei Santi Pietro e Paolo, questo deve essere “il tempo di una Chiesa in cui ciascuno possa sentirsi accolto e accompagnato”».