Una riflessione a margine della 32a edizione della Marcia, che intende porre all’attenzione generale queste due realtà come risorse per affrontare e risolvere la crisi del nostro Paese

di sr Anna Monia ALFIERI
Presidente Fidae Lombardia

Andemm al Domm 2013

Chi risolleverà la Nazione dalla crisi? Registriamo il fallimento o la parzialità di intervento degli economisti, dei tecnici, dei politici. Chi salverà la Repubblica? È forse giunto il tempo di scelte responsabili, capaci di porre in fila le questioni e le soluzioni in una logica di continuità, che abbandoni le azioni fallimentari che ci hanno condotti sin qui. La crisi odierna del welfare domanda ai nostri politici, alle istituzioni, a ciascuno di noi di riportare la famiglia al centro, per giungere a una Welfare Society a misura di famiglia. Questo salverà l’Italia dalla crisi, sanando quel guasto che altrimenti produrrà una implosione.

La famiglia possiede una sua specifica e originaria dimensione di soggetto sociale che precede la formazione dello Stato; è la prima cellula di una società e la fondamentale comunità in cui, fin dall’infanzia, si forma la personalità degli individui. Quindi la Repubblica non «attribuisce» i diritti alla famiglia, ma si limita a «riconoscerli» e a «garantirli», in quanto preesistenti allo Stato, come avviene per i diritti inviolabili dell’uomo, secondo quanto dispone l’articolo 2 della Costituzione.

Da qui possiamo ripartire per trovare le motivazioni giuridiche atte a riflettere ed eventualmente a comprendere come poter sanare il guasto evidente della società contemporanea, dovuto anche alla grave crisi della famiglia.

Occorre infatti chiarire i rapporti tra famiglia e Stato superando una errata sussidiarietà al contrario. Un welfare capace di ristabilire l’armonia e il corretto ordine delle sue componenti, recuperando una dimensione “a misura di famiglia”, sarà la garanzia contro ogni deriva di matrice individualista o collettivista. Nella famiglia il noi non sacrifica il singolo, bensì – mentre rispetta quest’ultimo – ha di vista il bene comune nel perseguire quello del singolo. La famiglia diviene così modello per una società improntata a solidarietà, partecipazione, aiuto reciproco, giustizia.

La 32a Marcia “Andemm al Domm” desidera riportare al centro dell’attenzione il ruolo della famiglia e della scuola, risorse per affrontare la crisi.

La società e lo Stato, nelle loro relazioni con la famiglia, hanno l’obbligo di attenersi al principio di sussidiarietà, in forza del quale le autorità pubbliche non devono sottrarre alla famiglia quei compiti che essa può svolgere da sola o liberamente associata con altre famiglie. Eppure assistiamo a un Welfare che tende a costruirsi sull’individualità rifuggendo le realtà associative, viste forse come antagoniste. La crisi odierna appare così la risultanza di una logica ambivalente che lo Stato, dal Novecento a oggi ha adottato verso la famiglia: da un lato l’ha esaltata come luogo degli affetti privati, cellula del mercato e del consenso politico, dall’altro l’ha nei fatti combattuta come sfera caratterizzata da legami forti e stabili, potenzialmente pericolosi per il Potere dominante… Un’ambivalenza che ha caratterizzato la sfera educativa della famiglia. Non si guarda alla famiglia come soggetto di diritti e di azioni che incidono nella società civile, bensì come soggetto che consuma in una logica stringente di mercato.

In questo contesto ritorna in modo incisivo alla mente il principio costituzionale dell’articolo 30: «È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio». Un diritto riconosciuto, e che uno Stato di diritto deve necessariamente garantire, contempla il dovere da parte delle autorità di sostenere la famiglia, assicurandole tutti gli aiuti di cui essa ha bisogno per assumersi in modo adeguato le sue responsabilità.

Qualcuno ci sarà che abbia il coraggio di individuare il costo standard dell’allievo e che, nelle forme ritenute più adatte al sistema italiano, dia alla famiglia la possibilità di scegliere fra buona scuola pubblica statale e buona scuola pubblica paritaria. Parliamone. Questo favorirà quella buona e necessaria concorrenza fra le scuole sotto lo sguardo garante dello Stato – che la smetterà di essere contemporaneamente gestore e controllore -; si innalzerà senza dubbio il livello di qualità del sistema scolastico italiano e si abbasseranno i costi, perché la vera qualità è lontana dallo spreco… Ed è anche lontana da una professionalità terra-terra: i docenti validi saranno riconosciuti e valorizzati, perché il ruolo di ammortizzatore sociale non si confà alla scuola…

Continuiamo così a chiedere instancabilmente alla classe politica, soprattutto oggi, in questa Italia così confusa e frammentaria, di dare ragione della centralità della scuola, con lucidità e lungimiranza, adottando decisioni di equità, di diritto e di giustizia rispetto a tutte le esperienze proficuamente attive, dalla scuola materna all’università, e sostenendo il diritto dei genitori di scegliere l’educazione per i propri figli.

La 32a Marcia “Andemm al Domm” di sabato 15 marzo ci veda numerosi in piazza Duomo: riporteremo all’attenzione pubblica il cuore del problema affinché venga riconosciuto il ruolo della famiglia e della scuola come risorse per uscire dalla crisi, senza però mortificare la loro essenza e senza cedere alla tentazione di sfruttarle o escluderle. 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi