Sabato scorso a Torino Paleari, sacerdote della “carezza materna”, è stato elevato alla gloria degli altari

a cura di Gabriele GUCCIONE

Beato Francesco Paleari

Il «piccolo prete del Cottolengo» che «faceva circolare aria di Paradiso» tra i poveri e gli ammalati della Piccola Casa è diventato beato. Don Francesco Paleari (1863-1939), primo cottolenghino a essere elevato alla gloria degli altari dopo il fondatore San Giuseppe Benedetto Cottolengo, è stato proclamato beato sabato 17 settembre a Torino. Il rito di beatificazione è stato presieduto dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, nella “chiesa grande” della Piccola Casa della Divina Provvidenza. Nella «Torino città santa» di don Bosco, Domenico Savio, madre Mazzarello e Giuseppe Cottolengo, «don Franceschino» – come veniva chiamato per la piccola statura – fu «un gigante di virtù». «La sua vita non fu fatta di episodi sensazionali – ha ricordato nell’omelia il cardinale Amato -, ma di eventi di incantevole semplicità e dolcezza. Egli fu straordinario nell’ordinario». Alla concelebrazione hanno preso parte anche monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, il vescovo ausiliare di Milano monsignor Luigi Stucchi (Paleari era originario di Pogliano Milanese), l’arcivescovo emerito di Torino, cardinale Severino Poletto, il superiore generale della Piccola Casa, don Lino Piano, e numerosi vescovi e sacerdoti piemontesi.

Sorriso di santità
«L’“angelo della Piccola Casa”, la cui propensione alla santità si manifestava nel suo dolce sorriso, passò gran parte della sua vita visitando gli ammalati e avvicinando i più ributtanti, che confortava con parole di consolazione – ha detto il cardinale Amato -. Preparava i carcerati a fare la santa Pasqua e aiutava sacerdoti e laici che accorrevano numerosi a lui per consiglio e guida». La beatificazione di don Paleari, ha specificato il Cardinale rivolgendosi ai religiosi e alle religiose del Cottolengo, rappresenta «un evento di grande rilevanza spirituale, voluto dalla Provvidenza Divina per ringraziavi della vostra fatica, per confermarvi nel vostro entusiasmo e per aprirvi a una generosità creativa e profetica. Voi siete la carezza materna di Gesù sui poveri di questo mondo, ai quali offrite sostegno, cura e dignità. Essi costituiscono i vostri tesori già qui in terra».

Tra gli oltre 3000 fedeli che hanno affollato la chiesa, il cortile e il teatro del Cottolengo (5 i bus giunti da Pogliano), anche Silvio Chiuzza, 76 anni, ingegnere in pensione che a 11 anni ottenne per intercessione di Paleari la guarigione da una meningoencefalite virale. Presente anche suor Angela Abbile, 89 anni, che nel giugno del 1946 pregò «don Franceschino» per chiedere la guarigione del piccolo Silvio.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi